Mercato immobiliare cala a Milano, Agenzia Entrate e Nomisma.

0
91

Sono state 130.609 le abitazioni acquistate in Italia nel periodo luglio-settembre 2018, in rialzo del 6,7% rispetto allo stesso trimestre del 2017. Bene anche gli scambi dei depositi pertinenziali (cantine e soffitte), che consolidano la crescita con un +9,2%, e di box e posti auto (+5,3%).

Stabile il mercato dei negozi (+0,8%), mentre sono in calo quello degli uffici (-20,8%) e degli immobili del settore produttivo (-6,5%). Questi i principali dati che emergono dalle Statistiche trimestrali, il report dell’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate.

Tra le grandi città, l’unica con tasso negativo è Milano (-2,4%) che interrompe la serie di rialzi dal 2013. Tutte positive le altre città: Palermo (+8,5%), Torino (+4,5%), Napoli (+3,6%), Firenze e Genova (+7,2%). Roma è la città con il maggior volume di compravendite (7.151 scambi), in crescita del 3,4% rispetto allo stesso trimestre del 2017, ma è Bologna quella che mostra il rialzo più importante.

Rallenta la crescita economica, aumenta il clima di incertezza per via dell’attesa sul futuro della manovra economica e, di conseguenza, anche il settore immobiliare italiano subisce dei contraccolpi. A sostenerlo è l’Osservatorio Immobiliare di Nomisma, presentato nei giorni scorsi a Milano.

Partiamo dai due dati fondamentali evidenziati dall’Istituto bolognese: le compravendite si avvicineranno a quota 573mila entro fine dicembre, con una crescita del +5,6% su base annua; i prezzi, però, fanno registrare una flessione dello 0,9%. Nel 2018 gli scambi residenziali hanno generato un giro d’affari di circa 94,5 miliardi, con il prezzo medio di un’abitazione in Italia fissato a quota 165mila euro. Attualmente, secondo Nomisma, sono 2,6 milioni le famiglie in cerca di casa per un mercato potenziale di 436,9 miliardi.

In crescita la componente d’investimento, balzata dal 6,1% del 2017 al 15,4% di quest’anno. Un aumento di domanda che l’Osservatorio spiega con la “migliore convenienza economica (spesso solo percepita) del mercato immobiliare e dalla mancanza di valide opportunità di investimento alternativo”. Per quanto riguarda le locazioni, Nomisma prevede un aumento delle famiglie intenzionate a prendere in affitto un’abitazione: al momento si stima in oltre 2 milioni il numero di nuclei familiari già sul mercato per un valore complessivo potenziale annuo di 11,3 miliardi di euro. Su 100 famiglie che cercano casa, il 52% cerca una casa di proprietà e il 48% rimanente si rivolge al mercato degli affitti. Infine un accenno al segmento corporate, dove la dimensione complessiva degli investimenti rimane modesta e alimentata soprattutto da componente straniera, ma senza ripetere l’exploit registrato nel 2017. Calano i prezzi dei negozi (-0,8%) e pure quelli degli uffici (-1,5%).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here