Lavoro, blocco dei licenziamenti prorogato a fine marzo 2021.

0
168
I segretari generali di Cgil, Cisl, Uil, Maurizio Landini (D), Annamaria Furlan (C) e Pierpaolo Bombardieri (S) al termine dell'assemblea di Confindustria, Roma, 29 settembre 2020. ANSA/ETTORE FERRARI
Funshopping.it crea la tua vetrina gratis per vendere on line - acquista migliaia di prodotti con sconti fino al 70%

Blocco dei licenziamenti fino alla fine di marzo: il premier Giuseppe Conte va incontro alla richiesta dei sindacati e nel corso del nuovo confronto del governo con Cgil, Cisl e Uil annuncia loro la volontà di accogliere la richiesta reiterata in queste settimane, arrivando anche a minacciare lo sciopero generale, di prolungare ulteriormente il divieto di licenziare. Ma concede anche la cig Covid gratuita alle imprese. In una “situazione complessa” come quella che il Paese sta vivendo, il governo “ritiene di dover fare uno sforzo finanziario ulteriore e dare un messaggio a tutto il mondo lavorativo di certezza e sicurezza”, sottolinea il presidente del Consiglio, puntando l’accento sulla protezione sociale. Una decisione che soddisfa quindi i sindacati, ma non scontenta neppure Confindustria.

“Abbiamo fatto un buon lavoro insieme. Avevamo bisogno di dare un messaggio e lo abbiamo dato”, commenta il leader della Cgil, Maurizio Landini. “La decisione assunta dal governo consente di rassenerare i lavoratori. E’ un passo avanti fondamentale, ci contavamo tanto”, sottolinea la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, ringraziando Conte. “Il blocco dei licenziamenti fino al 21 marzo è un risultato importante. Uscire dalla crisi non sarà facile ma ci impegneremo con determinazione. Oggi il governo ha fatto la scelta giusta”, dice anche il numero uno della Uil, Pierpaolo Bombardieri. Per Confindustria, che più volte si era detta contraria a prolungare all’infinito lo stop ai licenziamenti, la proroga “per ragioni di emergenza è giustificata se per le imprese che utilizzano la cassa Covid l’accesso non prevede alcuna contribuzione, e il premier ha convenuto che così sarà”.

La ministra del Lavoro e delle Politiche sociali, Nunzia Catalfo, parla di “un segnale importante per lavoratori e aziende in un momento delicato come quello che l’Italia sta attraversando” e assicura che già dalla prossima settimana avvierà il confronto con le parti sociali per la riforma degli ammortizzatori sociali e il rafforzamento delle politiche attive del lavoro. Una questione su cui sia i sindacati che le imprese puntano da tempo. La cig Covid gratuita per le aziende “è un supporto fondamentale frutto del dialogo tra le parti”, commenta il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli. (ANSA)

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here