Industria cosmetica, si prevede un calo del fatturato dell’11,6%.

0
261
Renato Ancorotti, presidente di Cosmetica Italia, durante il convegno inaugurale organizzato da Cosmetica Italia in occasione dell'apertura del Cosmoprof, Bologna 15 marzo 2019. ANSA/GIORGIO BENVENUTI

Nel 2019, prima dell’emergenza, la cosmesi made in Italy aveva raggiunto un fatturato di 12 miliardi di euro, di cui oltre il 40% destinato ai mercati internazionali.

La pandemia, secondo le stime, provocherà una flessione del fatturato dell’11,6% a fine 2020. A condizionare questo risultato il mercato interno, che perde il 9,3%, ma soprattutto l’export che segna un calo del -15%.

Temi di cui si parlerà il prossimo 12 ottobre nell’assemblea pubblica “Un’industria che fa bene al Paese. La resilienza del comparto cosmetico nazionale: un nuovo paradigma per il rilancio del settore” organizzata da Cosmetica Italia.

Al centro dell’incontro, per la prima volta trasmesso in diretta streaming, una riflessione sulla resilienza del comparto cosmetico nazionale e la definizione di un nuovo paradigma per il suo rilancio.

“La nostra assemblea annuale è un momento cardine del calendario associativo, a cui tradizionalmente si affidano bilanci e considerazioni. Quest’anno, simbolicamente, vogliamo anche evidenziare la spinta verso un nuovo inizio, una ripartenza – sottolinea il presidente di Cosmetica Italia, Renato Ancorotti -. Come cittadini, imprenditori e protagonisti di un settore chiave per il Sistema Paese ci aspetta un compito difficile, ma importantissimo, nei prossimi delicati mesi: andare controcorrente. Con responsabilità e prudenza occorre affrontare le avversità per disegnare il ‘Rinascimento’ del comparto”. (ANSA).

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here