Borsa, dati su Pil e inflazione portano a chiusura settimanale in rialzo.

56
La Borsa di Milano. ANSA / Massimo Lapenda

Le Borse europee confermano il rialzo dopo la crescita del pil dello 0,7% nell’Eurozona a cui fa però da contraltare il nuovo record dell’inflazione all’8,9%.

L’indice d’area, lo stoxx 600, resta sempre al punto percentuale di rialzo con il traino di investimenti immobiliari e finanziari.

I future resta positivi in attesa del dato dell’inflazione americana Tra le singole Piazze del Vecchio Continente la migliore resta Milano (+1,8%) con il Ftse Mib ampiamente sopra i 22mila punti.

Segue Parigi (+1,41%). Più cauta Francoforte (+0,87%) mentre la Germania registra una crescita zero nel secondo trimestre.

Londra segna un +0,69% in attesa che si sciolga il nodo della leadership e del successore di Johnson.

Lo spread tra Btp e Bund lima a 233 punti con il rendimento del decennale italiano sotto il 3,24%. Quanto alle materie prime, il gas scende a 197 euro al megawattora (-1,11%). Si conferma in crescita il petrolio con il wti oltre 98 dollari al barile (+2,3%) e il brent del mare del Nord oltre 109 dollari (+2,2%).
(ANSA).