“In un momento di mercato che non si presentava dal dopoguerra, il caro materiali e la carenza di materie prime e semilavorati sono diventati il muro contro cui le imprese si stanno schiantando, arrivando alla chiusura dei cantieri”, per questo “ho ritenuto importante convocare d’urgenza una Assemblea Generale Straordinaria di Assimpredil Ance”. Lo – fa sapere Regina De Albertis, presidente di Assimpredil Ance. L’assemblea si terrà il 21 marzo nella sede di Ance in via San Maurilio 21.

“Sarà l’occasione per le imprese di condividere le urgenti azioni che ANCE ha chiesto al Governo, ma anche per evidenziare alla Regione Lombardia e alle Istituzioni territoriali le questioni prioritarie da risolvere”, evidenzia De Albertis.

“Non c’è più tempo! Il motore del Paese si sta fermando – afferma la Presidente di Assimpredil Ance – insieme vogliamo ribadire con forza che non è un problema solo delle imprese, perché se si bloccano i cantieri si fermano le infrastrutture, la salvaguardia del territorio, la riqualificazione della casa sociale e dei borghi, la rigenerazione urbana. L’impresa è un valore da preservare, per il Paese e le comunità.”

“Più dinamico è il mercato, più i numeri in gioco sono alti, maggiore è l’impatto sulla messa a terra dei molti lavori del PNRR, sui cantieri del 110 % e sulla rigenerazione del territorio – avverte Regina De Albertis – l’aumento dei costi dei materiali, l’impennata del prezzo del combustibile e del gas, la carenza di materiali provenienti dalle zone di guerra come il ferro e altri prodotti indispensabili, l’impossibilità di approvvigionamento rendono impossibile continuare le lavorazioni. Per questo servono misure urgenti e straordinarie ed è necessario ritrovare la consapevolezza che bisogna fare un percorso condiviso e collaborativo perché solo insieme si vincerà questa battaglia”.

All’Assemblea Generale Straordinaria di Assimpredil Ance, oltre alle aziende associate, parteciperanno in presenza ed online altri protagonisti del settore delle costruzioni e della catena di fornitura, delle Istituzioni nazionali e regionali, Sindaci e Presidenti di importanti stazioni appaltanti, committenti pubblici e privati. Tra gli altri, hanno confermato l’adesione il Sindaco di Milano, Beppe Sala, e il Viceministro delle Infrastrutture, Alessandro Morelli.(MiaNews)