Brave brave brave, Franca Valeri e Mina, le vite parallele di due miracoli italiani, giovedì 17 al Castello Sforzesco.

0
278
Funshopping.it crea la tua vetrina gratis per vendere on line - acquista migliaia di prodotti con sconti fino al 70%

In uno studio televisivo, astrattizzato dalla Dual Band, vivranno alcuni dei più begli sketch della Valeri, interpretata da Benedetta Borciani; Beniamino Borciani sarà, invece, Mina, e alternerà alcune delle canzoni classiche con alcune divertentissime dei suoi primordi, il cui sapore jazz e rock’n’roll sarà messo in risalto da un’”orchestrina di cantattori” che farà tutti gli strumenti con le voci. E non mancheranno alcuni indimenticabili sketch di Carosello.

“La Mina” e “La Franca” sono come la 500: come si fa a non amarle? Mettono d’accordo tutti.

Già lo scorso anno la Dual Band aveva in programma di festeggiare le due, l’una per i suoi ottanta, l’altra per i suoi cento anni. Lo spettacolo, però, non poté andare in scena a causa del Covid.  Nel frattempo Franca Valeri non c’è più, quindi, ancor più significativo vuol essere questo festeggiamento di 100 + 1 e 80 +1.

 

Le immaginiamo insieme, le due, come furono effettivamente spesso negli spettacoli del sabato sera degli anni Sessanta, a dialogare scherzando e prendendosi reciprocamente in giro: e da questa cornice racconteremo, attraverso le loro due storie, un pezzetto di storia della televisione italiana, e dunque di noi.

C’erano tanti modi di essere donna nello showbiz di quegli anni, ma uno imperava: quello della procacità fisica; era il momento delle maggiorate, e alcune “attrici” si facevano un vanto, e creavano un personaggio, proprio dichiarando che non sapevano fare niente.
E invece “La Franca” e “La Mina” no: erano lì perché erano brave, erano indiscutibili. Talento puro.

La Valeri, classe 1920, scrittrice e show-woman di respiro europeo, come dimostrano il debutto e la fama acquisita a Parigi prima ancora che in Italia. La Franca (come si dice a Milano) appare in tailleurino nero “di lavoro”, quasi una divisa da mimo, e attraversa cento donne, cento accenti, cento classi sociali senza cambiare parrucca o costume, per raccontare con occhio mai volgare i cambiamenti del costume italiano.

Mina Mazzini – ma per tutti Mina, come se fosse una di casa – di parrucche, invece, ne ha cambiate tantissime. E di casa lo era, teen-ager prorompente e scatenata, nel tinello di tante famiglie italiane nell’epoca del boom.

In un mondo di maggiorate, due donne vere, che si fanno strada esclusivamente perché sono Brave brave brave!

organizzazione@ladualband.com

www.ladualband.com

BIGLIETTI SU MAILTICKET 15 euro + prevendita

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here