Triennale, gli appuntamenti della prossima settimana.

167

GLI APPUNTAMENTI DI TRIENNALE MILANO

12 – 18 settembre

12 settembre

18.30 Memorie future | La foresta e gli incontri – Annamaria Ajmone e Stella Succi
Presso Padiglione Chiaravalle
L’evento fa parte del progetto Memorie future, promosso da Triennale Milano Teatro, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Terzo Paesaggio e ABCittà nell’ambito del bando Milano è viva nei quartieri

Riflettere sul mondo animale oggi significa immergersi in una ricerca multidisciplinare che supera l’etologia, affrontando la complessa rete di relazioni che, nei singoli ecosistemi, vede sfumare i confini tra animale e vegetale, tra organico e inorganico, tra noi e l’altro. La foresta e gli incontri trae ispirazione dalla nostra relazione con il mondo animale per parlare del mistero incommensurabile del diverso da noi, mettendo in dialogo arte, scienza, teoria e pratica a partire dalla ricerca per lo spettacolo La notte è il mio giorno preferito.

13 settembre

10.00 Conferenza stampa | JAZZMI 2022
Accredito stampa disponibile a questo link: conferenzastampaJAZZMI22
Presentazione alla stampa della settima edizione di JAZZMI, festival dell’Associazione JAZZMI, Ponderosa Music & Art e Triennale Milano Teatro in collaborazione con Blue Note Milano. Interverranno: Paola Dubini, Presidente di Triennale Milano Teatro, Giuseppe Sala, Sindaco di Milano, Tommaso Sacchi, Assessore alla Cultura del Comune di Milano, Luciano Linzi, Direttore artistico di JAZZMI, Chiara Angeli, Head of Commercial Operations di Volvo Car Italia, Fabrizio Paschina, Executive Director comunicazione e immagine di Intesa Sanpaolo, Andrea De Micheli, Blue Note Milano / Casta Diva Group, e Filippo Petrolati, Direttore di Fondazione di Comunità Milano.

Dalle 14.00 Planeta Ukrain | Arte e rischio nel mezzo
Nell’ambito di Planeta Ukrain, il Padiglione dell’Ucraina alla 23ª Esposizione Internazionale Unknown Unknowns. An Introduction to Mysteries (15 luglio – 11 dicembre 2022), Triennale Milano presenta Arte e rischio nel mezzo, una selezione di tre film – Dixie Land di Roman Bondarchuk, Ivan’s Land di Andrii Lysetskyi, The Earth Is Blue as an Orange di Iryna Tsilyk – per raccontare i contrasti della realtà ucraina, a cura di Olga Birzul in partnership con Docudays UA IHRDFF.  Al termine delle proiezioni Roman Bondarchuk, Andrii Lysetskyi e Iryna Tsilyk, registi dei film, risponderanno alle domande del pubblico, moderati da Lidia Liberman, una delle curatrici di Planeta Ukrain.

18.00 Tonight We Are Young. Nuova arte italiana
Nel terzo appuntamento dedicato alla nuova scena artistica italiana, Ruth Beraha, Guglielmo Castelli, Tomaso De Luca, Viola Leddi, Beatrice Marchi, Alice Ronchi e Giulio Scalisi dialogheranno con Damiano Gullì, curatore per arte contemporanea e Public Program di Triennale Milano, e con Paola Clerico, fondatrice di Case Chiuse by Paola Clerico, per raccontare la loro pratica e poetica a partire da una selezione di opere che sarà presentata al pubblico.

14 settembre

10.00 Triennale Radio Show
Evento online
Tornano gli appuntamenti radiofonici in collaborazione con Radio Raheem.
L’host della trasmissione Damiano Gullì, curatore per arte contemporanea e Public Program di Triennale Milano, sarà in dialogo con Paola Clerico, fondatrice di Case Chiuse.

11.30 Conferenza stampa | The Gathering
Accredito stampa disponibile a questo link: accredito stampa
Presso lo studio di produzione QUIET, PLEASE!, via Giuseppe Frua 12, Milano
Presentazione alla stampa del progetto musicale e artistico di Ferdinando Arnò, prossimamente proposto come evento unico aperto al pubblico in Triennale il 18 settembre.

19.00 Memorie future | Open Machine – Vittorio Cosma / The Goodness Factory
Presso BiG Borgo intergenerazionale Greco
L’evento fa parte del progetto Memorie future, promosso da Triennale Milano Teatro, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Terzo Paesaggio e ABCittà nell’ambito del bando Milano è viva nei quartieri

Vittorio Cosma dirige un happening di improvvisazione che rimette al centro la musica, portando il pubblico direttamente a contatto con i meccanismi del processo della creazione musicale. Prodotto da The Goodness Factory e Music Production, Open Machine è un format unico nel panorama contemporaneo italiano. Open Machine è molto più di una performance: è un’azione concreta che ha l’obiettivo di contribuire a riposizionare la musica nella dimensione sperimentale e culturale a cui appartiene. Gli artisti coinvolti si incontrano “al buio”, e il pubblico si trova completamente immerso in un autentico momento di creazione artistica. Con Adele AltroYakamoto Kotzuga e Giancarlo Parisi.

21.00 Sound and Moving Pictures. Unexpected Matches | Viaggi spaziali
Terzo appuntamento di Sound and Moving Pictures. Unexpected Matches, un ciclo a cura di Alina Marazzi volto a indagare la relazione tra immagine filmica e musica live attraverso il coinvolgimento di musicisti e dj invitati a sonorizzare film rari e poco noti e materiali provenienti da archivi e cineteche. Viaggi Spaziali propone un viaggio nel tempo e nello spazio attraverso filmati del periodo delle origini del cinema e di epoche più recenti, accompagnati dalle suggestioni sonore e musicali del duo Tiresia, composto da Bruno Dorella e Stefano Ghittoni.

15 settembre

Dalle 10.00 Margini – I confini della musica. Scomodo – Populous
Partecipazione gratuita previa registrazione obbligatoria: triennale.org
Il termine margine è un concetto ambiguo. Esistono margini in ambito sociale, politico e culturale che hanno la stessa rilevanza di quelli territoriali, e che anzi spesso li influenzano in maniera inaspettata. Scomodo, la realtà editoriale under 25 più grande d’Italia, in collaborazione con Populous, esplora queste tematiche in due giornate (15 e 16 settembre) dense di masterclass, talk ed esibizioni con i protagonisti del mondo musicale italiano, emergenti e non. Artisti, critici, studiosi e produttori daranno vita a un dialogo troppo spesso negletto: quello tra un centro e i suoi margini.

18.00 Progetto laboratoriale | Dance Well – Ricerca e movimento per il Parkinson
Su iscrizione, per maggiori informazioni: triennale.org
Torna in Triennale Dance Well: un’iniziativa per promuovere la pratica della danza contemporanea in spazi museali e contesti artistici, che si rivolge principalmente, ma non esclusivamente, a persone che vivono con il Parkinson. Le classi si tengono tutti i giovedì mattina fino alla fine dell’anno. La partecipazione è aperta a tutti.

16 settembre

Dalle 16.30 Margini – I confini della musica. Scomodo – Populous
Partecipazione gratuita previa registrazione obbligatoria: triennale.org
Proseguono i talk nell’ambito del progetto Margini – I confini della musica. Uno speciale dj set concluderà la giornata. Alle 21.30 Populous e Protopapa si esibiranno nel giardino di Triennale come celebrazione finale di due giornate immersive sia artisticamente sia editorialmente, ai confini della musica. Populous, nome d’arte di Andrea Mangia, è un producer e dj salentino che ha esordito nel 2003 con l’etichetta berlinese Morr Music. Populous si è rapidamente fatto largo nella scena elettronica italiana e internazionale finché, con la svolta rappresentata da “Azulejos” (2017), le sonorità si sono fatte sempre più ballabili. I suoi set sono stati trasmessi su radio di culto come Worldwide FM, Nova, Dublab, Kiosk, Balamii, KEXP, Rinse FM.

18.30 Di Futuri Ignoti: Dialoghi di Filosofia e Immagine | Massimo Donà
In collaborazione con la Facoltà di Filosofia dell’Università Vita-Salute San Raffaele
Un incontro con Massimo Donà, musicista jazz e professore ordinario di Filosofia teoretica presso la Facoltà di Filosofia UniSR, sulle relazioni tra arte, musica e filosofia. Tre linguaggi, un’unica postura. Tre pratiche, un’unica intenzione. Una riflessione che prova a interrogarsi su cosa distingua davvero il linguaggio della creazione da quello della riflessione, quello dei significati da quello dei segni. Una complessa rete di relazioni.

18 settembre

Dalle 11.00 alle 24.00 The Gathering | Ferdinando Arnò
In partnership con Triennale Milano e in collaborazione con Fondazione Fiera Milano
Ingresso libero per le performance in giardino e in atrio. Ingresso con il biglietto dell’Esposizione Internazionale per gli spazi espositivi.
Ideato come un’installazione globale, con il contributo di numerosi artisti e dei loro interventi dai linguaggi mediali e artistici, viene presentato al pubblico The Gathering, il nuovo progetto musicale di Ferdinando Arnò, vincitore della Targa Tenco 2022 come Miglior album collettivo. Colonna sonora dell’evento – che si svolge negli spazi del Palazzo dell’Arte, in dialogo con la 23ª Esposizione Internazionale Unknown Unknowns – sarà un flusso ininterrotto di performance spontanee. Si esibiscono artisti quali Theo Bleckmann, Alfio Antico, Mélanie De Biasio, Joan As Police Woman, Joseph Chinouriri, Daniel Gonora, Lino Musella, Jacopo Benassi, Dante Lennon, Brother May, Jon Kenzie e IVI.

Tutti gli appuntamenti (salvo diversamente specificato) sono a ingresso libero fino a esaurimento posti.