Vaccino, polemica Bertolaso-specializzandi: è attività formativa. No, è sfruttamento.

0
236
Guido Bertolaso alla conferenza stampa per illustrare i provvedimenti approvati dalla Giunta in relazione al Piano Vaccinale Anti Covid della Lombardia nell'Auditorium Gaber a Palazzo Pirelli a Milano, 3 marzo 2021.ANSA/Mourad Balti Touati
Funshopping.it crea la tua vetrina gratis per vendere on line - acquista migliaia di prodotti con sconti fino al 70%

“Oggi scriverò al Prefetto di Milano e gli chiederò di richiedere gli elenchi degli specializzandi in Lombardia. La prima volta ha risposto un solo Rettore. Credo che sia inevitabile andare avanti secondo quello che prevede la legge” ovvero con la possibilità di impiegare gli specializzandi per la campagna vaccinale.

Lo ha detto Guido Bertolso, consulente della Regione per la campagna vaccinale nel corso della conferenza stampa all”Auditorium Gaber per presentare il nuovo piano per la fase massiva della somministrazione.

“Non ci sta che i medici dicano che spacciare l’attività di vaccinazione come attività formativa è denigrante: se questi sono i nostri giovani colleghi credo che ci sia davvero da preoccuparsi”, ha aggiunto in merito alle critiche di alcune associazioni di categoria.

“Vaccinare per un medico è la cosa più importante e più nobile”, ha concluso non escludendo una ‘precettazione’ visto che, ha detto l’ex capo della protezione civile “non è facoltativo, è un obbligo”.

“Non esitiamo quindi a definire il mese di ‘formazione’ nella campagna vaccinale anti SARS-CoV-2 per ciò che è: sfruttamento di manodopera a costo zero”: così in un comunicato le associazioni di specializzandi hanno criticato le parole di Guido Bertolaso, convinto che si debbano precettare gli specializzandi. Una posizione che ha confermato anche dopo questo comunicato congiunto spiegando che è previsto dalla legge.

“Non possiamo accettare – hanno spiegato – che la cattiva programmazione di questa campagna vaccinale continui a riflettersi sulla popolazione e sui Medici in Formazione Specialistica: se la retorica della guerra poteva essere compresa un anno fa, adesso ogni appello alla deontologia per colmare le lacune organizzative finisce per suonare come un palese ricatto. Queste parole vengono rivolte ad una categoria indifesa e troppo spesso dimenticata; non è venuto in mente a nessuno di riservare lo stesso trattamento agli altri Medici, nostri colleghi”.

“Vogliamo partecipare alla campagna vaccinale nel rispetto della dignità del nostro lavoro e tutelando la nostra formazione specialistica. Non sono negoziabili i requisiti minimi al di sotto dei quali si configura un vero e proprio sfruttamento: contrattualizzazione, volontarietà e partecipazione al di fuori dell’orario formativo” hanno scritto nella nota firmata da ANAAO Giovani Formazione, ASUP – Associazione degli Specializzandi di Perugia, Chi si cura di te?, CoSMEU – Coordinamento Specializzandi in Medicina d’Emergenza-Urgenza, Dipartimento medico, ER – Ex Rappresentanti in Prima Linea, FederSpecializzandi – Associazione Nazionale dei Medici in Formazione Specialistica, GMI – Giovani Medici per l’Italia, MeSLo – Medici Specializzandi Lombardia, SIGM – Segretariato Italiano Giovani Medici e Specializzazioni mediche – Associazione ALS.

“Ci aspettiamo una rettifica ufficiale delle affermazioni offensive e pretestuose del Commissario Bertolaso, affermazioni che non possono essere tollerate. La precettazione di una categoria non può essere usata come una minaccia, soprattutto se sono in atto contrattazioni volte a garantire parità di trattamento a quella categoria” hanno concluso.
(ANSA).

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here