pubblicità
Charme home agenzia immobiliare a Milano

Home Economia I progetti della DeFi abbracciano i gettoni di governance con blocco del...

I progetti della DeFi abbracciano i gettoni di governance con blocco del voto per aumentare le valutazioni

95

I token di governance con blocco del voto sono la nuova tendenza per i protocolli di finanza decentralizzata.

La DeFi ha avuto un buon 2021, ma i token alla base dei grandi protocolli no. I token della DeFi sono stati colpiti e molti dei loro investitori si stanno chiedendo se non avrebbero dovuto acquistare e detenere ETH.

pubblicità

I fondatori e le DAO sono alla ricerca di modi per aumentare il valore dei loro token.  Molti sembrano seguire l’esempio di Curve Finance, che ha richiesto ai partecipanti alla DAO di bloccare i propri token CRV per partecipare alla governance sin dall’uscita del token governance nel 2020.

Sistema di blocco dei voti

La comunità che sta dietro al principale aggregatore di rendimenti, Yearn Finance, ha recentemente deciso di seguire l’esempio di Curve e di passare a un sistema di blocco dei voti, ma è solo l’ultimo di una serie crescente di progetti a farlo.

Il progetto di stablecoin algoritmica Frax Finance è passato da tempo a richiedere il blocco dei voti. In questo modo “coordina le prospettive a lungo termine delle persone permettendo loro di bloccare i loro token fino a 4 anni in modo permanente, in modo che le persone possano vedere sulla catena che c’è una quantità MOLTO grande di persone che hanno comprato in questa cosa e che hanno costi irrecuperabili”, ha detto Sam Kazemian, fondatore di Frax, su Telegram.

Per gli utenti, lo staking è interessante perché tende ad avere un rendimento maggiore, come su Biticodes. Ad esempio, Yearn ha già utilizzato i profitti del protocollo per acquistare il suo token di governance, YFI, sul mercato aperto. Una volta che questa nuova proposta sarà stata implementata dagli sviluppatori di Yearn, gli YFI acquistati saranno distribuiti proporzionalmente a tutti gli staker.

Diversi altri protocolli hanno già scelto di adottare un approccio alla governance basato sul blocco dei voti per aumentare i rendimenti.

Il già citato Frax è stato il primo. Un altro dei primi ad adottare questa soluzione è stato Pickle Finance. Pickle è un aggregatore di rendimenti che si colloca in qualche modo nell’universo di Yearn. Nel 2021 ha lanciato la propria versione di un token con voto bloccato chiamato DILL, in collaborazione con il creatore di Yearn Andre Cronje. I possessori di DILL condividono il 45% dei profitti ottenuti dal progetto Pickle, oltre a ricompense potenziate nelle nuove emissioni PICKLE.

Anche un altro aggregatore di rendimenti, yAxis, è passato al blocco dei voti con la sua terza versione, lanciata alla fine dello scorso anno. Impostando il token YAXIS si ottengono diritti di voto e un aumento delle ricompense degli utenti in diversi pool. Può aumentare fino a 2,5 volte.

Profitti del protocollo

“Vediamo che la percentuale di token YAXIS bloccati continua a crescere. Ora è al 40% circa, con una tendenza verso tempi di blocco più lunghi”, ha dichiarato Mister del team Y-Axis su Discord.

Vesper Finance, un protocollo per la crescita passiva delle partecipazioni, utilizza anche lo staking per far crescere le partecipazioni degli utenti nel suo token nativo, VSP. Per votare gli aggiornamenti di Vesper, gli utenti devono detenere VSP (vVSP) in palificazione. La versione staked consente anche di ottenere profitti di protocollo. Tutti i profitti sugli altri pool di Vesper vengono convertiti in VSP tramite Uniswap e distribuiti agli staker.

Non tutti i protocolli vincolano le votazioni e i guadagni.

Effetti di moltiplicazione

BarnBridge Finance fornisce un incentivo a bloccare i token, ma aumenta solo il potere di voto. Gli utenti possono votare il loro token BOND senza fare lo staking, e lo staking non ha un rendimento. Allo stesso modo, Ribbon Finance sta discutendo di implementare il blocco per il voto, ma non prevede una quota dei profitti del protocollo di Ribbon, secondo il co-fondatore Julian Koh.

A prescindere da ciò, Kazemian ha sostenuto che è il blocco che conta davvero.

“Questo permette alla comunità di formarsi e all’attenzione di rimanere su un particolare protocollo mentre il suo ecosistema viene costruito. Questo ha un effetto moltiplicatore, in quanto si sviluppa su se stesso e l’attenzione di un numero sempre maggiore di persone viene bloccata”, ha detto Kazemian.

Parla con noi
WhatsApp GazzettadiMilano.it
Ciao, per l'invio di comunicati stampa utilizza l'email info@gazzettadimilano.it .
Per informazioni commerciali o altre richieste resta in linea, un nostro consulente sarà presto on line.