Taxi e energia, l’incontro di Unione Artigiani con Tremonti.

102

Sono convinto si possa migliorare. Dove non applicano le regole di mercato non capisco perché debbano rompere le scatole ai piccoli qua sul territorio. I taxi hanno un sistema pubblico, non puoi dire che un sistema pubblico come legge e poi cercare di mettere dentro i mercati. Ci vuole un equilibrio. Il problema dell’Italia è che stanno facendo troppe leggi: il governo Draghi ha già fatto 2km e 600 metri lineari di nuove regole. Quello blocca l’economia, aumenta il potere di ricatto e la paura per chi teme di violare la legge che neanche sa che c’è. Non puoi fare favore ai grandi e andare ad inseguire malamente i piccoli. Io rifarei la legge Tremonti che detassava tutti quelli che assumevano e investivano.

Anche l’Europa è equilibrio. È stata grande con il Covid e ora mi sembra andata più sul gas.

Ieri la presidente Von Der Leyen ha detto che la dipendenza sul gas era al 9 per cento. Questo vuol dire che se anche la Russia è ostile, tuttavia ha un piccolo impatto. Tutto il resto, gas e prezzi, è speculazione finanziaria. Il governo italiano voleva mettere il tetto alla Russia, ma la Russia non si fa imporre il tetto. Non si è capito che tutto è speculazione. Il governo italiano ha tassato gli extraprofitti con una legge che è una barzelletta. L’Europa dice che vanno tassati nel modo giusto, però la grande questione è oggettivamente la speculazione. La speculazione non solo fa male ai consumatori, ma fa male a tutto il sistema. Va combattuta.

Marco Acconero, Segretario Generale di Unione Artigiani

Il settore dell’artigianato è molto preoccupato per il futuro economico di questo Paese e hanno avuto rassicurazioni dal professor Tremonti che ci sarà attenzione verso i piccoli. troppo spesso c’è stata attenzione verso le grandi imprese dimenticando i più piccoli come se fossero un fastidio. La nostra volontà è che il nuovo governo semplifichi la vita promuovendo e proteggendo le piccole imprese e gli artigiani, che in Italia sono 1 milione e 400 mila e possono dare lavoro fino ad un milione di persone. Come conseguenza del caro energia alcune aziende hanno iniziato a chiedere la cassa integrazione. Tremonti ci ha indicato una strategia per una lotta a questo caro energia riportando l’attenzione sulle imprese e volte a rendere l’Italia più indipendente dal punto di vista energetico. il costo dell’energia è diventato uno dei due problemi basilari che tanno affrontando le nostre imprese, unito a quello della carenza di manodopera.