Saluti romani alla commemorazione di Ramelli, assolti.

0
195
Si è conclusa con il triplo 'Presente' e il braccio alzato per il saluto romano di circa mille persone la commemorazione per Sergio Ramelli a Milano, 29 aprile 2019. Conclusa la "passeggiata", come l'hanno definita i militanti, concordata con la forza pubblica, circa mille manifestanti si sono schierati silenziosamente davanti alla lapide in via Paladini, dove il giovane venne aggredito il 29 aprile del 1975, hanno issato una corona, dato l'attenti e intonato il triplo presente. ANSA/NICOLA MARFISI
Funshopping.it crea la tua vetrina gratis per vendere on line - acquista migliaia di prodotti con sconti fino al 70%

Tutti assolti perché “il fatto non costituisce reato”. Si è chiuso così in primo grado il processo milanese a carico di otto persone, tutti esponenti dell’estrema destra, imputate per manifestazione fascista, ossia una violazione della legge Mancino, per saluti romani alla commemorazione nel 2016 dello studente Sergio Ramelli e dell’avvocato Enrico Pedenovi, uccisi negli anni ’70, e di Carlo Borsani militare e stretto collaboratore di Mussolini ucciso nell’aprile del 1945.

La sentenza è stata emessa dal giudice della sesta penale Teresa Ferrari da Passano che ha accolto le richieste di assoluzione dei legali degli imputati, gli avvocati Antonio Radaelli, Luca Procaccini, Mario Giancaspro, Jacopo Cappetta e Andrea Benzi. Tra gli imputati esponenti di Lealtà Azione e Casapound. La Procura aveva chiesto condanne fino a 5 mesi. Tra sessanta giorni le motivazioni della sentenza.

Numerosi sono stati i processi portati avanti dalla Procura milanese su casi simili, di manifestazioni fasciste con saluti romani, e la giurisprudenza di questi ultimi anni ‘balla’ tra condanne e proscioglimenti. Con “la chiamata al presente e il saluto romano” hanno voluto “celebrare in modo statico e orgoglioso il disciolto partito fascista”, aveva scritto il gup di Milano Manuela Cannavale nelle motivazioni della condanna in abbreviato, del settembre scorso, per 5 estremisti di destra accusati di avere violato la legge Scelba (non la legge Mancino), che sanziona l’apologia del fascismo, nell’aprile 2019 davanti al murale di Ramelli in via Paladini a Milano. (ANSA).

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here