Cremonese, sconfitta anche al debutto in casa, vince il Torino.

135
CREMONA, ITALY - AUGUST 27: Karol Linetty of Torino FC jump for the ball during the Serie A match between US Cremonese and Torino FC at Stadio Giovanni Zini on August 27, 2022 in Cremona, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Di certo non era il risultato che sognavano i tifosi della Cremonese per il debutto casalingo in serie A dopo 26 anni.

Il Torino porta a casa (2-1) una sfida molto importante e in modo meritato giocando con un calcio fisico ed efficace.

Tre punti che permettono ai granata di restare tra le big della classifica a quota 7. La formazione di Juric gestisce bene palla, rischia pochissimo e soprattutto quando riparte sfrutta la maggior fisicità per bucare la Cremonese sulle due corsie laterali.

I grigiorossi accettano l’uno contro uno ma il risultato è quello di dare troppo spazio ai vari Vlasic, Radonijc e soprattutto Aina a sinistra e Singo a destra. Toro a segno con Vlasic nel primo tempo e Radonjic nella ripresa, poi la Cremonese dimezza le distanze con Sernicola. (ANSA).

Massimiliano Alvini, tecnico della Cremonese, è intervenuto ai microfoni di DAZN al termine del match contro il Torino (2-1 per i granata il risultato finale): “Oggi il Torino ha fatto più di noi, la sconfitta è meritata. L’atteggiamento mi è piaciuto, la squadra non ha fatto male da questo punto di vista, è uscita fuori l’esperienza che hanno più rispetto a noi. Sicuramente sui gol ci sono degli errori nostri, la differenza sta lì”.

Cosa dirà ai suoi giocatori?
“Dobbiamo lavorare, io non devo rimproverare l’atteggiamento. Abbiamo un percorso da fare, ma sapevamo cosa ci aspettava. Secondo me il percorso è quello giusto, è da portare avanti con coraggio”.

Lo Zini rimodernato che effetto le ha fatto?
“Il rammarico è non aver regalato un risultato positivo ai tifosi. Ma davanti abbiamo avuto una squadra superiore in alcune situazioni. La Cremonese però però può raggiungere pian piano questo livello”.