pubblicità
Charme home agenzia immobiliare a Milano

Home Integrazione Il FánHuā Chinese Film Festival alla Cineteca Milano Arlecchino: la Cina di...

Il FánHuā Chinese Film Festival alla Cineteca Milano Arlecchino: la Cina di oggi in due giorni di cinema per la II edizione.

119
pubblicità

La Cina di oggi raccontata attraverso lo sguardo del cinema in programma al FánHuā Chinese Film Festival, il festival di cinema cinese alla sua seconda edizione, che si terrà il 4 e 5 febbraio alla Cineteca Milano Arlecchino (in via S. Pietro All’Orto, 9) – in occasione della Festa delle lanterne, che conclude i festeggiamenti del Capodanno cinese.

La rassegna è promossa dall’associazione FánHuā e dalla Zhong Art International con il patrocinio del Consolato Generale della Repubblica Popolare Cinese in Milano e di Italy China Council Foundation – ICCF, in collaborazione con Cineteca Milano Arlecchino. In programma i migliori film dei registi e delle registe cinesi (in versione originale con sottotitoli in italiano), introdotti da Paolo Bertolin, consulente artistico del festival, membro del comitato di selezione della Biennale di Venezia.

“Varietà di fiori che sbocciano”: questo il significato del titolo della rassegna, nata a Firenze nel 2021, che ora ritorna con la tappa meneghina del suo spin-off e porta in città i maggiori successi dell’edizione toscana, con le sue immagini poetiche e la florida produzione di opere cinematografiche che si sta sviluppando in Cina, per un pubblico ampio di appassionati e famiglie. Per un incontro culturale che può allargare anche le prospettive di mutua comprensione e comunanza di popoli geograficamente distanti, grazie anche alla collaborazione della Comunità Cinese di Milano.

Si parte sabato 4 febbraio, alle ore 20.30 con “One and Four” film vincitore del Premio del pubblico a Firenze, del regista Jingme Trinley. Un thriller mozzafiato che avvince e sorprende, sullo sfondo di una foresta innevata dove si svolge la storia che vede protagonista un guardiacaccia tibetano che si confronta con un letale enigma in un tesissimo esordio di marca tarantiniana. Il programma prosegue domenica 5 febbraio alle 15 con il film d’animazione “New Gods: Nezha Reborn” dalla regia di Zhao Ji, per i più giovani e per tutta la famiglia (ingresso ridotto per i minori di 14 anni): la figura popolarissima della divinità taoista Nezha rivisitata in chiave contemporanea, incarnata da un fattorino motociclista, rivive in un’avventura eroica che testimonia la creatività e il successo dell’animazione orientale. Chiude il programma, alle 19, la proiezione di “B for Busy” della regista Shao Yihui: una commedia sentimentale contemporanea impreziosita dall’ambientazione nella Shanghai tradizionale, storia di Lao Bai, poliedrico cinquantenne divorziato e perennemente impegnato, e del suo incontro con la signora Li e la figlioletta Maya, che lo porta a cercare di mettere ordine nella sua vita.

 

L’Associazione Fán Huā, guidata dal suo fondatore e Presidente Xiuzhong Zhang, opera con il duplice obiettivo di favorire la divulgazione della cultura italiana in Cina e diffondere in Italia il patrimonio artistico cinese tradizionale e contemporaneo. A partire dalla sede operativa di Firenze organizza mostre ed eventi, programmi di formazione e si dedica a tutte le iniziative culturali che possono creare ponti tra Italia e Cina, ideando progetti di interesse comune in collaborazione con Ministeri, istituzioni e governi locali, Consolati e Ambasciate di entrambi i paesi.

 

Xiuzhong Zhang – ‘Gianni’ per gli italiani – imprenditore cinese nato in Henan, vive a Firenze, dove si è laureato in Scultura all’Accademia di Belle Arti. Dopo aver completato gli studi, si stabilisce con la famiglia a Firenze e nel 2013 avvia un’attività come operatore culturale tra l’Italia e la Cina, coltivando la sua passione per le arti e i documentari culturali. E’ accademico d’onore dell’Accademia delle Arti del Disegno e ricercatore presso la China National Academy of Painting. Nel 2012 si affaccia al mondo del cinema recitando nel film “Sogni di Gloria” di Patrizio Gioffredi, a fianco di Carlo Monni.

 

Paolo Bertolin è programmatore, critico e produttore cinematografico. Tra i maggiori esperti di cinema asiatico, è selezionatore per la Mostra del Cinema di Venezia dal 2008. Ha all’attivo collaborazioni con diversi festival cinematografici internazionali come la Quinzaine des réalisateurs di Cannes, Locarno, Pechino, Mumbai,  Rotterdam, Nyon, Udine Far Est, e a vario titolo con istituzioni cinematografiche di primo piano tra cui il Doha Film Institute nel Qatar. È membro dell’Asia Pacific Screen Awards Academy e dell’European Film Academy. Come critico cinematografico, ha scritto per pubblicazioni italiane e internazionali, tra cui “il manifesto”, “Cineforum”, “Segnocinema”, “The Korea Times”, “Cahiers du Cinéma”, “Positif” e “Senses of Cinema”.

 

I luoghi del festival: Cineteca Milano Arlecchino, via S. Pietro All’Orto, 9, www.cinetecamilano.it

Organizzazione: Associazione FánHuā e Zhong Art International (via de’ Martelli, 8 – Firenze) Tel. 055/5385702

info@fanhuafestival.com www.fanhuafestival.com; mail: info@zhongart.it – www.zhongart.it e Cineteca Milano MIC – Viale Fulvio Testi 121 – Milano www.cinetecamilano.it

 

Parla con noi
WhatsApp GazzettadiMilano.it
Ciao, per l'invio di comunicati stampa utilizza l'email info@gazzettadimilano.it .
Per informazioni commerciali o altre richieste resta in linea, un nostro consulente sarà presto on line.