Perfetta? Quasi perfetta, uno spettacolo sui disturbi alimentari venerdì 16 e sabato 17 al Teatro Leonardo.

181

MTM Teatro Leonardo –  dal 16 e 17 dicembre 2022

PERFETTA? QUASI PERFETTA

Uno spettacolo sui disturbi alimentari

di Valeria Cavalli

con Claudia Veronesi

regia Claudio Intropido

consulenza scientifica Dottoressa Maria Barbuto

collaborazione didattica Prof.ssa Simonetta Muzio – direttore di produzione Elisa Mondadori

Produzione Manifatture Teatrali Milanesi

Alice, vittima di sé stessa e del bisogno di modificare il suo corpo per adattarsi alle regole del mondo social, dimentica l’importanza del vivere il reale e il contatto con l’altro. Lo sviluppo del sintomo si fa strada a poco a poco nella testa di Alice, che diventa schiava del suo progetto di perfezione che prende il sopravvento sulle sue giornate che scorrono scandite da regole precise, impossibili da trasgredire.

Sono passati quasi 20 anni dal debutto di Quasi Perfetta, il mondo è cambiato, una pandemia ha sconvolto tutto il mondo e i disturbi alimentari sono vertiginosamente aumentati. L’isolamento sociale ha incrementato l’utilizzo dei social e l’immagine esibita sugli schermi deve essere quindi il più possibile aderente a standard di perfezione.

Note di drammaturgia

“I disturbi alimentari rappresentano un problema di sanità pubblica emergente nella società moderna. L’esordio è sempre più precoce nei ragazzi e i fattori influenti sono complessi e svariati.

Durante la pandemia da Covid-19 le persone affette da disturbi alimentari, in particolare da bulimia nervosa, anoressia nervosa e disturbo da alimentazione incontrollata o binge eating, si sono ritrovate ad affrontare la loro condizione in una maniera inaspettata. (The Lancet 2021)”

 A quasi 20 anni di distanza dal debutto di “Quasi Perfetta”, il problema dei disturbi alimentari non si è soltanto cronicizzato ma è peggiorato notevolmente con l’avvento del lockdown che ha esacerbato queste patologie che hanno il loro esordio soprattutto in età adolescenziale.

E’ per questo che, con Claudio Intropido, ho deciso di riattraversare questo tema che è diventato un’urgenza troppo spesso taciuta, un’urgenza che arriva ai titoli di giornale solo quando diventa notizia “da prima pagina” ma che invece è vissuta dolorosamente non solo dai ragazzi ma dalle loro famiglie. Il cibo è una necessità oltre che un piacere ma non sono pochi coloro che decidono di seguire condotte alimentari estremamente restrittive che non hanno nulla a che vedere con le normali diete ipocaloriche, ma che diventano un’ossessione, un pensiero fisso togliendo spazio a tutto quello di cui deve essere fatta la vita di un adolescente.

Non è bastato però fare solo qualche cambiamento rispetto allo spettacolo originale perché in vent’anni il mondo è cambiato fondamentalmente perché allora non esistevano i social, l’immagine non era così esibita mentre ora rimbalza da un cellulare a un computer ribadendo un ideale di perfezione che pare necessario per essere qualcuno.

La corsa ad assomigliare ai vari influencer è spietata e dettano legge i canoni che impone Tik Tok, è faticoso ribellarsi e mostrarsi genuinamente per ciò che si è, gli eventuali difetti devono essere corretti ad ogni costo.

Al confronto con gli altri si aggiunge anche il senso di inadeguatezza e il rifiuto di un corpo che cresce, che cambia, che prende una forma diversa: il cibo diventa un veleno che inquina e corrompe.

Perfetta?Quasi perfetta” non è una riscrittura quindi ma è un nuovo spettacolo che con quello che ha debuttato nel 2003, ha in comune solo il tema che è stato declinato in maniera diversa. Nel nostro “pingue e ben pasciuto” mondo occidentale esistono ancora dei giovani, e non solo loro, che abbracciano questa scelta dolorosa per il bisogno di essere accettati, amati e il rifiuto del cibo è un grido di dolore che spesso gli adulti non riescono a cogliere o colgono troppo tardi.

Lo spettacolo quindi è dedicato ai giovani ma anche alle loro famiglie che si trovano a cercare un senso, un perché a questo disagio che subdolamente si insinua piano piano ma che si può combattere e debellare.

Valeria Cavalli

Teatro Leonardo

da giovedì a sabato ore 20.30

intero 25,00€ – convenzioni 20,00€, ridotto Arcobaleno (per chi porta in cassa un oggetto arcobaleno) 20,00€, Under 30 e Over 65 – 15,00€, scuole di teatro e Università 15,00€, ridotto bicicletta € 15,00, ridotto DVA 12,50€, scuole MTM, Paolo Grassi, Piccolo Teatro 10,00€, tagliando Esselunga di colore ROSSO, prevendita 1,80€

 

durata dello spettacolo: 60 minuti

 

Info e prenotazioni biglietteria@mtmteatro.it – 02.86.45.45.45

Scarica l’App di MTM Teatro e acquista con un clic

 

Abbonamenti: MTM La cura e l’artificio, MTM La cura e l’artificio Over 65, MTM Carta Regalo x2, MTM Carta Regalo x4.

 

Biglietti sono acquistabili sul sito www.mtmteatro.it e sul sito e punti vendita

vivaticket.it. I biglietti prenotati vanno ritirati nei giorni precedenti negli orari di prevendita e la domenica a partire da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.