Mediateca per disabili Ledha entra in Sistema Bibliotecario Polo Milano.

133

Oltre 450 tra libri, film e documenti multimediali sul tema della disabilità saranno a disposizione di tutti gli utenti del Catalogo collettivo delle biblioteche del Servizio Bibliotecario Nazionale – Polo Città di Milano (opac.sbn.it).

A breve, fa sapere palazzo Marino, sarà infatti sottoscritta una convenzione tra il Comune di Milano – Area Biblioteche e l’associazione LEDHA (Lega per i diritti delle persone con disabilità), in virtù della quale sarà messa a disposizione sul catalogo online di SBN la mediateca dell’associazione che raccoglie opere di autori in grado di rappresentare, con diversi tagli letterari e cinematografici, il mondo delle disabilità. Questo consentirà di ampliare il perimetro dell’offerta di contenuti alla città di Milano e di potenziare i servizi proposti agli utenti anche secondo un principio di “prossimità” ai luoghi di vita dei cittadini.

LEDHA è un’associazione di promozione sociale (APS), che lavora per la tutela dei diritti delle persone portatrici di handicap, offrendo informazione, consulenza gratuita e assistenza legale e rendendosi interlocutrice presso le istituzioni lombarde. Consapevole di quanto il cinema e la narrativa siano capaci di costruire l’immaginario e la rappresentazione del mondo e della società, ha raccolto negli anni un patrimonio che si suddivide in due parti: la sezione film e video (oltre 150), costituita da materiale storico e molto spesso introvabile su qualsiasi supporto (catalogo qui); e la sezione libri, costituita prevalentemente da opere di narrativa capaci di offrire una rappresentazione originale e significativa della disabilità (catalogo qui).
La convenzione, che regolerà gli aspetti tecnici e organizzativi dell’adesione della Mediateca LEDHA al Polo SBN “Città di Milano”, non prevede oneri di spesa per l’Amministrazione Comunale e durerà cinque anni, con la possibilità di rinnovo per altri cinque. Tra gli impegni che dovrà assumersi l’associazione, quello di conformare l’organizzazione della biblioteca e i suoi orari al fine di agevolare l’accesso del pubblico.(MiaNews)