Forestami, obiettivi raggiunti anche se 24% alberi nuovi morti per siccità.

145

Forestami ha superato l’obiettivo previsto per il 2022 di 400mila nuovi alberi: dall’inizio del programma sono stati piantumati 427.475 alberi e arbusti nella città metropolitana di Milano e il 21 novembre, con l’avvio della nuova stagione agronomica in occasione della Giornata Nazionale degli Alberi, inizieranno le operazioni di messa a dimora di oltre 16mila piante e 2mila arbusti nel Comune di Milano e oltre 34mila esemplari nei comuni della Città metropolitana. Questo il bilancio tracciato oggi in Triennale dove si è tenuta la conferenza stampa di Forestami, progetto promosso da Comune di Milano, Città metropolitana di Milano, Regione Lombardia – ERSAF, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano e Fondazione di Comunità Milano, basato su una ricerca realizzata dal Politecnico di Milano (Dipartimento Architettura e Studi Urbani), sostenuta da Fondazione Falck e FS Sistemi Urbani, con la collaborazione di Università degli Studi di Milano e Università degli Studi Milano Bicocca.

Erano presenti il sindaco Giuseppe Sala, la vicesindaco di Citta Metropolitana Michela Palestra, Stefano Boeri, presidente del Comitato Scientifico di Forestami, Maria Chiara Pastore, direttrice Scientifica di Forestami, Riccardo Gini, direttore Tecnico di Forestami e Carlo Marchetti, presidente della Fondazione di Comunità Milano. Forestami ha fissato l’obiettivo di 3 milioni di alberi nella Città Metropolitana entro il 2030 e grazie alle donazioni delle aziende e dei cittadini, nel Comune di Milano le piantagioni sono avvenute a Boscoincittà, Porto di Mare, nel Parco Forlanini, negli svincoli Paullese e Cantalupa e in altre località sparse in tutta la città per un totale di 34.467 piante di cui 21.622 alberi e 12.845 arbusti. Sono stati realizzati progetti di piantumazioni anche nei comuni di Canegrate, Colturano, Cornaredo, Dresano, Gudo Visconti, Lainate, Noviglio, Pioltello, Sesto San Giovanni, Trezzano Sul Naviglio, Vimodrone, Bresso nell’ambito di Parco Nord Milano.

“Forestami è uno dei progetti chiave per rendere Milano e la Città Metropolitana sempre più sostenibili e verdi – ha commentato Sala – . La nostra città mira alla neutralità climatica. Per raggiungere questo obiettivo, la piantumazione di nuovi alberi è fondamentale, così come determinante è la partecipazione di tante cittadine e cittadini. Grazie anche ai fondi Pnrr e agli importanti contributi provenienti dal mondo privato, Forestami continuerà a crescere e a far crescere la sensibilità ambientale della nostra comunità”.

“Nei prossimi anni – ha spiegato Boeri – , con il progetto Custodiscimi, l’iniziativa congiunta di Forestami, ERSAF e Legambiente Lombardia, saranno direttamente i cittadini dell’area metropolitana ad essere coinvolti nella presa in cura e piantagione di quelle decine di migliaia di nuovi alberi che ci aiuteranno a ombreggiate le nostre strade e piazze e a pulire l’aria inquinata di Milano. La stessa iniziativa Custodiscimi – ispirandosi a quanto già accaduto con successo in città come New York e Los Angeles – evolverà prevedendo un maggiore e più estesa partecipazione attiva dei cittadini” .

Su ogni piantagione avvenuta nell’ultima stagione agronomica di Forestami, l’eccezionale siccità del 2022 ha fatto registrare una moria del 24,5% contro una fallanza fisiologica delle stagioni passate del 10%-15%. Il dato è stato reso noto oggi nel corso di una conferenza stampa in Triennale per fare il punto sulle prossime iniziative del progetto ambientale che ha l’ambizione di piantare 3 milioni di nuovi alberi a Milano e nell’area della Città Metropolitana entro il 2030.

“Nei prossimi mesi – ha spiegato il direttore tecnico Riccardo Gini – si procederà quindi con la sostituzione delle piantine non attecchite grazie al lavoro delle cooperative sociali che si sono occupate inizialmente della loro messa a dimora e che, a fronte di questa annata eccezionale, si faranno carico del loro risarcimento. In questo modo riusciremo a ripristinare al 94% la copertura arborea”. (MiaNews)