Estate, bere acqua contro sbalzi termici

1955

Gli italiani sono messi a dura prova dal caldo estivo, così come dagli sbalzi termici dovuti agli acquazzoni e agli ambienti con troppa aria condizionata. “Sbalzi che non fanno bene al corpo – dice Umberto Solimene, presidente della Federazione Mondiale Termalismo (Femtec) – ma un aiuto per mantenere il benessere può arrivare dall’acqua e da una buona idratazione, che permette di proteggere le vie respiratorie”. Secondo l’esperto, membro dell’Osservatorio Sanpellegrino, con l’acqua si reintegrare i liquidi persi col sudore: fatto da non trascurare, perché “basta un calo del 2% per risentire dell’aver bevuto troppo poco: spossatezza, mal di testa, crampi, tachicardia, in casi più estremi perdita di conoscenza e collassi circolatori”.Bere di più, “evitare l’acqua troppo fredda e gli alcolici, limitare caffè e bevande zuccherine sono utili consigli per affrontare al meglio questo periodo. È importante bere frequentemente senza arrivare ad avere sete che è, in realtà, il primo sintomo di uno stress idrico”