Save the dogs, allarme accattonaggio a Milano.

235

Un fenomeno che si intensifica nel periodo natalizio per fare leva sulla generosità dei passanti. L’associazione animalista chiede alle autorità controlli stringenti in corrispondenza delle stazioni e linee della metropolitana a seguito delle numerose segnalazioni ricevute da cittadini milanesi.

Solo nelle ultime due settimane ci sono arrivate 10 segnalazioni di cittadini su persone che detengono cani in cattive condizioni di salute o denutriti al fine di impietosire i milanesi, sempre più sensibili alle condizioni di vita degli animali”, riferisce la presidente di Save the Dogs, Sara Turetta.

L’associazione da oltre un anno è impegnata nella città meneghina con il progetto “Amici di Strada, Compagni di Vita”, nato con l’obiettivo di fornire assistenza e cure veterinarie gratuite alle persone senza fissa dimora con animali che vivono per strada a Milano.

I cittadini sensibili a queste tematiche conoscono e apprezzano il lavoro che i nostri operatori e i veterinari volontari svolgono nelle strade della città e, in un anno, oltre 70 cani di senza dimora sono entrati a far parte del nostro progetto, che si rivolge solo a quelle persone con fragilità che trovano nei compagni a quattro zampe la stabilità della loro vita e si preoccupano quindi della loro salute. Non possiamo però ignorare l’altro lato della medaglia, cioè l’accattonaggio e lo sfruttamento degli animali solo per ottenere l’elemosina dei passanti, attività che avvengono soprattutto in centro e nei pressi della stazione metropolitana, nei mezzanini e sulle carrozze delle varie linee. Comprendiamo l’enorme mole di lavoro a cui sono sottoposte le forze dell’ordine che operano sul territorio ma abbiamo il dovere di lanciare l’allarme e chiedere a gran voce che i reati a danno degli animali vengano verificati e perseguiti attraverso controlli più stringenti, soprattutto quando ci sono delle segnalazioni”, continua Sara Turetta.

Anche se l’accattonaggio tramite lo sfruttamento di animali è vietato in tutta la città, accade spesso che alle rimostranze dei cittadini sulle condizioni di alcuni animali i detentori propongano l’acquisto del cane o richiedano ingenti somme di denaro per le cure; segnali questi che fanno emergere il reale obiettivo di questi soggetti. Tutto ciò aumenta la frustrazione dei cittadini, che si sentono impotenti davanti alla sofferenza dell’animale.

Dare soldi o acquistare il cane per sottrarlo alla situazione di maltrattamento purtroppo non è la soluzione del problema, anzi, si va ad alimentare un fenomeno di sfruttamento che è di tipo criminale. Quel cane inoltre sarà prontamente sostituito da un altro – spiega Ermanno Giudici, Coordinatore del progetto “Amici di strada, compagni di vita”.  La vendita di animali senza regole, in strada, nei negozi come su internet, va solo ad alimentare un traffico illegale che purtroppo si intensifica sotto le festività natalizie. Noi invitiamo i cittadini ad andare nei rifugi e ad adottare tramite le associazioni, non ad azioni impulsive che arricchiscono persone senza scrupoli. Save the Dogs continuerà ad operare tramite i propri operatori per aiutare i senzatetto e i loro compagni di vita”, conclude Giudici.

In allegato il comunicato stampa e una foto scattata nella metropolitana milanese.

per ulteriori informazioni sono a completa  disposizione.