Morto a 93 anni Padre Mario Meda, il missionario PIME inventore del sostegno a distanza.

0
225
Funshopping.it crea la tua vetrina gratis per vendere on line - acquista migliaia di prodotti con sconti fino al 70%

Non era di certo una celebrità. Eppure il mondo della solidarietà in Italia gli deve molto: padre Mario Meda mancato a 93 anni il 9 gennaio scorso nella casa dei missionari anziani a Rancio di Lecco aveva ‘inventato’ il sostegno a distanza,l’iniziativa di solidarietà che da tanti anni il PIME promuove in favore dei bambini, ma anche dei giovani, dei disabili e dei seminaristi, nelle sue missioni in tutto il mondo.

Era stato infatti proprio padre Meda dalla Birmania, dove era missionario, a lanciare nel 1958 l’idea allora del tutto inedita, di affidare a una famiglia di benefattori lontani l’aiuto di un singolo bambino in un Paese straniero, con una sorta di «adozione» appunto a distanza. Padre Mario – nato a Desio (Mi) nel 1927, ordinato sacerdote dal cardinale Schuster nel 1954 – era arrivato a Kengtung quell’anno, nell’attuale Myanmar. Le prime famiglie coinvolte nel progetto  inizialmente furono americane, attraverso il Centro missionario PIME di Detroit.Quando poi nel 1966 – come tutti gli altri missionari del PIME – dovette subire la sorte amara dell’esilio imposto dal governo dei militari a tutti i religiosi stranieri entrati nel Paese dopo l’indipendenza, l’idea del sostegno a distanza andò avanti dal nuovo Centro di animazione missionaria che nel frattempo il PIME aveva aperto a Milano e a cui padre Meda venne inviato.

In forma strutturata partì dunque nel 1969 e fece da apripista in Italia a tanti altri enti e associazioni che ancora oggi adottano questa forma estremamente popolare di aiuto allo sviluppo. In un’epoca in cui non esistevano gli strumenti informatici di oggi per gestire i database, da Milano padre Meda insieme al confratello padre Mauro Mezzadonna (anche lui scomparso due anni fa) arrivarono con le loro schedine cartacee a mettere in relazione anche 17.000 donatori con una bambina o un bambino segnalato dalle missioni del PIME di tutto il mondo. «Adozioni d’amore a distanza» le chiamavano allora. Ed è un impegno per il quale nel 2004 padre Mario Meda fu anche ufficialmente insignito del’Ambrogino d’Oro, la massima onorificenza a MIlano, che gli fu consegnata dall’allora sindaco Gabriele Albertini. E la sua esprienza concreta di fraternità  al Centro missionario PIME di via Monterosa continua tuttora.

Per contribuire: https://PIMEmilano.com/Pagine/attiva-sostegno-a-distanza.html

Il sostegno a distanza è un impegno morale e finanziario continuativo (ma sempre libero) volto a garantire ai bambini e ai giovani dei Paesi in via di sviluppo un aiuto economico, affinché ricevano i beni primari, l’istruzione e le cure mediche di cui hanno bisogno. Il sostegno a distanza, quindi, aiuta le famiglie in difficoltà a prendersi cura dei propri figli sostenendo le spese necessarie alla loro crescita, o ad accedere alle cure di centri sociali, ostelli e scuole. È un aiuto che ha come fine lla promozione della persona e della sua comunità.

Dalla rivista del PIME “Mondo e Missione” (2010), un episodio che fa capire la testimonianza  che lascia Padre Meda, animato sempre dall’amore per Cristo.

 

Il 23 Aprile 1977 Madre Teresa parlò allo Stadio di “San Siro” a MIlano, strapieno di giovani, alla presenza di tutti i Vescovi della Lombardia, sul tema della vita e dell’aborto. Era una delle grandi Manifestazioni organizzate da Padre Giacomo Girardi (1930-1998), allora “Direttore” del Centr Missionario PIME. Padre Mario Meda Missionario del PIME in Birmania, accompagnò allo Stadio la Madre nella sua “utilitaria” (la “Fiat 600”). La Madre gli chiede dov’è stato in Missione, poi aggiunge: «Lei quante ore prega al giorno?». Padre Mario le risponde: «Pensavo lei mi chiedesse se aiuto i poveri!». La Madre ribatte: «No, perché se non preghiamo molto non siamo uniti a Dio, e se non siamo uniti a Dio non possiamo aiutare i poveri, i quali hanno fame di pane, ma soprattutto hanno fame di Dio!». Padre Mario ricorda ancora commosso quel piccolo incontro con la grande Santa di Calcutta… non è possibile essere fratelli dei poveri se non torniamo a Dio, a Gesù Cristo.

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here