Il problema delle zanzare a Milano: cosa è utile sapere

60

Siamo a giugno, l’estate è alle porte e la bella stagione, per quanto fortemente attesa, ha purtroppo anche alcune implicazioni negative.

A Milano, ma anche in altre città italiane, è ad esempio un problema piuttosto annoso quello delle zanzare: questi insetti, fastidiosi, certamente, ma purtroppo anche potenzialmente pericolosi, si sono rivelati particolarmente infestanti negli ultimi anni, soprattutto in determinate zone della città.

I servizi del Comune contro le infestazioni di zanzare

Il Comune di Milano ha attivato una serie di servizi specifici, mirati appunto a contrastare l’indesiderata presenza delle zanzare.

Come si può leggere sul sito Internet ufficiale dell’ente, l’ente pubblico interviene periodicamente nella disinfestazione di edifici comunali, edifici residenziali comunali, asili nido e scuole di ogni grado, manufatti fognari, tombini e in altri contesti ancora.

Per quanto riguarda in modo specifico il contrasto alle zanzare, circa gli immobili privati il Comune di Milano offre ai cittadini la possibilità di acquistare un insetticida biologico in compresse a prezzo calmierato, il cui uso è vivamente consigliato dalla primavera all’autunno.

Quanto alle aree pubbliche, invece, il sito Internet del Comune di Milano rimanda al sito Internet ufficiale della società Amsa, che si occupa appunto dell’effettuazione di questi servizi sul territorio.

Sul sito in questione è possibile conoscere nel dettaglio tutta la programmazione dei vari interventi di contrasto alla infestazioni di zanzare, molto utile è, inoltre, un elenco di preziosi consigli che i cittadini possono mettere in pratica nel quotidiano per evitare di attirare le zanzare e di farle proliferare.

Consigli preziosi che il cittadino può mettere in pratica

Anzitutto, ovviamente, è bene proteggere la propria persona, utilizzando dei prodotti antizanzare di qualità come quelli acquistabili presso la farmacia online Farmaregno: in questo modo, infatti, si riescono a scongiurare le punture, ovvero ciò che più infastidisce della presenza di tali insetti.

Ovviamente, è bene che il problema sia risolto alla radice, quindi bisogna cercare di scongiurare nel miglior modo possibile la presenza di questi insetti nelle zone abitate, ecco dunque alcune accortezze che Amsa reputa molto utili, da questo punto di vista.

Fondamentale è cercare di evitare di creare dei ristagni d’acqua, anche di piccole dimensioni: anche vecchi pneumatici, barattoli o sottovasi possono essere deleteri, dal momento che l’acqua ristagnante è fortemente attrattiva per questi insetti.

Laddove vi siano degli specchi d’acqua ornamentali, come potrebbe essere il caso di laghetti, fontane e similari, potrebbe essere un’ottima idea quella di ospitare al loro interno dei comuni pesci rossi, naturali predatori di larve di zanzara nonché pesci d’acqua fredda, quindi in grado di vivere senza problemi in vasche collocate all’aperto anche durante la stagione invernale.

Molto importante è che i tombini vengano ispezionati con la dovuta periodicità, quando si svuotano dei contenitori d’acqua bisogna farlo rigorosamente su terreno, e non in tombini o su spazi dove l’acqua può ulteriormente ristagnare, è inoltre un bene eseguire regolarmente lo sfalcio dei tappeti erbosi per favorirne il drenaggio.

Se vi sono delle strutture non rimovibili che, per via della loro struttura, tendono a trattenere dell’acqua creando dei piccoli ristagni, può infine essere una buona idea quella di riempirle con della sabbia.