Lavora da casa e guadagna on line generando un reddito aggiuntivo

Sono 91 i Comuni “Rifiuti Free” in Lombardia, vale a dire quei comuni i cui cittadini producono annualmente meno di 75 Kg di rifiuto a testa da avviare a smaltimento, il 6% del totale dei 1506 comuni lombardi, coinvolgendo quasi 600mila abitanti.

A stabilirlo è l’annuale premio di Legambiente assegnato sulla base dei questionari compilati dalle amministrazioni sulla produzione e gestione dei rifiuti nel proprio territorio, confrontati con i dati demografici. Tra i comuni premiati questo pomeriggio a Roma nell’ambito dell’Ecoforum di Legambiente spiccano per le migliori performance Bianzano, in provincia di Bergamo per i comuni al di sotto dei 5000 abitanti, Boltiere (BG) tra i 5000 e i 15.000 abitanti e Porto Mantovano, in provincia di Mantova, tra i comuni sopra i 15.000 abitanti (vd. tabelle).

Il consorzio Corepla – spiega Legambiente – ha premiato Castelnuovo Bozzante (CO), per essersi distinto in particolar modo per la qualità della raccolta degli imballaggi in plastica (con un tasso di impurità inferiore del 34% rispetto alla media regionale) e il continuo miglioramento negli ultimi anni.

Tra i migliori consorzi di recupero e gestione dei rifiuti sono stati premiati l’Unione di Comuni Lombarda Oltreadda Lodigiano (LO) sotto i 100.000 abitanti e Mantova Ambiente Srl (MN), Consorzio dei Comuni dei Navigli (MI), Cem Ambiente Spa (MB), Coinger Srl (VA) e Linea Gestioni (CR). Menzione anche per RECUP, realtà lombarda volta a contrastare lo spreco di cibo attraverso un’azione partecipata e inclusiva nei mercati milanesi e di Busto Arsizio (Va). In cinque anni i suoi volontari e le sue volontarie sono riusciti a recuperare oltre 100 tonnellate di prodotti ortofrutticoli ancora commestibili, che altrimenti sarebbero stati buttati via.
“Il passaggio da un’economia di tipo lineare ad una di tipo circolare è possibile grazie all’azione messa in campo dalle amministrazioni più virtuose e dai Sindaci che pongono maggiore attenzione alla gestione dei rifiuti prodotti dai loro cittadini – sottolinea Barbara Meggetto, presidente di legambiente Lombardia -. Oltre all’impegno dei Comuni, però, va ricordato l’impegno che i cittadini stanno da tempo mettendo non solo nella raccolta differenziata dei rifiuti, ma anche nell’adottare pratiche di acquisto più sostenibili, volte a diminuire la produzione di scarti. In questo l’introduzione della tariffazione puntuale, laddove è stata adottata, ha dato risultati molto positivi in termini di riduzione della produzione di rifiuti destinati all’incenerimento”.
Il premio di Legambiente Comuni Ricicloni, a livello nazionale, è un concorso volontario cui concorrono le realtà che inviano i dati di produzione dei rifiuti nei tempi e nei modi stabiliti dagli organizzatori. In Lombardia tra i 1504 Comuni hanno compilato i questionari in 432. I quantitativi delle diverse tipologie di rifiuti sono stati richiesti attraverso i codici EER previsti dal D.M. 26 maggio 2016 e per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata si è adottata la formula prevista dal medesimo decreto. Sono così entrati a far parte della raccolta differenziata anche i quantitativi di rifiuti inerti conferiti alle piattaforme ecologiche comunali (ma fino ad un massimo di 15 Kg/ab/anno). Per i Comuni turistici è stato previsto un correttore che, in assenza dei dati relativi agli abitanti equivalenti, cerca di tenere in considerazione gli aumenti del numero di utenti nei mesi dell’anno (comunicati dai Comuni/consorzi) in cui la popolazione aumenta di almeno il 30%. Per tutti gli altri comuni ha fatto fede il dato degli abitanti raccolto da ISTAT.(MiaNews)

Funshopping.it crea la tua vetrina gratis per vendere on line - acquista migliaia di prodotti con sconti fino al 70%
compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni