Anagrafe, nuovo Sportello di Quartiere a Quarto Oggiaro.

191
Il nuovo servizio nella sede di MM Casa in piazzetta Capuana (Foto Comune di Milano)

Un nuovo sportello di quartiere dedicato ai servizi anagrafici dove richiedere certificati e prendere l’appuntamento per recarsi all’Anagrafe di via Larga o nelle sedi decentrate. Si è tenuto questa mattina il taglio del nastro, alla presenza dei rappresentanti dell’Amministrazione comunale e municipale, nella sede di MM Casa in piazzetta Capuana, nel quartiere di Quarto Oggiaro.

Nel corso della mattinata c’è stato anche un momento di orientamento aperto ai residenti sui servizi erogati, da parte di un ufficiale anagrafico del Comune di Milano, dirigenti e dipendenti di MM Spa. Lo sportello è aperto il martedì e il giovedì, dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 16.

L’inaugurazione – spiega palazzo Marino – si inserisce nella cornice più ampia della convenzione che l’Amministrazione ha siglato con esercizi commerciali quali tabaccherie, edicole e cartolibrerie – complessivamente 214 in tutta Milano – che attualmente garantiscono l’erogazione dei certificati anagrafici.

Sempre in ottica di decentramento e città ‘a 15 minuti’, è partito in questi giorni un progetto pilota nella sede dell’Anagrafe decentrata di San Siro, chiusa da circa due anni. Quasi 200 metri quadri di superficie in via Paravia 26 da dove è partita una campagna di ascolto del territorio che andrà avanti per tutto il mese di maggio e di giugno, con l’obiettivo della riapertura della sede entro l’autunno, in una formula del tutto nuova. Una volta costruita la mappa delle esigenze del quartiere e di cittadini e cittadine che lo abitano – che possono recarsi in via Paravia il lunedì mattina e il mercoledì pomeriggio per incontrare rappresentanti dell’Amministrazione comunale e municipale – verrà deciso il destino della sede.

Al termine della campagna di ascolto, che coinvolgerà oltre che la cittadinanza anche la rete associativa del territorio, e l’apertura di un tavolo che interesserà diversi Assessorati, l’obiettivo è andare verso l’apertura di un vero e proprio “hub multiservizi”, ovvero uno spazio dove sarà possibile non solo rifare la carta d’identità o richiedere un certificato, ma anche trovare orientamento lavorativo, supporto all’iscrizione ai servizi educativi o aiuto per gli stranieri. Una sperimentazione, quella di San Siro, che si vuole pian piano avviare in altre sedi e altri quartieri.