Al via il 66° Taormina FilmFest – in sala e su MYmovies.it – con il film testamento di Marion Hänsel

0
165
compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

Si accendono i riflettori sul 66° Taormina FilmFest, diretto da Leo Gullotta e Francesco Calogero, in sala e in streaming su MYmovies.it dall’11 al 19 luglio, prodotto e organizzato da Videobank S.p.A. su concessione della Fondazione Taormina Arte Sicilia, sotto il patrocinio dell’Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo. Una variegata programmazione debutta in Sala A del Palazzo dei Congressi di Taormina, ospitando giornalmente – a ingresso libero e su prenotazione – la duplice proiezione alle 19 e alle 21.30 del Concorso internazionale di opere prime e seconde, mentre il palinsesto online offre un’ancora più ricca programmazione, disponibile per 24 ore, corredata da una striscia quotidiana di approfondimento, con documenti video, immagini di archivio, suggestive riprese emozionali e interventi di ospiti, a narrazione di un festival parzialmente virtuale.

È l’anteprima italiana di “IL ÉTAIT UN PETIT NAVIRE” di Marion Hänsel (documentario – 2020, Belgio, 65’) il film di apertura della sessantaseiesima edizione. Un film-testamento in omaggio a quattro decadi di filmografia della produttrice, regista e attrice belga dopo la recentissima dipartita. E a farlo è proprio un diario di ricordi di vita e di cinema – tra Marsiglia, Anversa, Parigi, New York e le Fiandre – molto vicino ai film autoriflessivi di Agnès Varda e Chantal Akerman. Un saggio filmico-biografico, sincero e poetico. Una degenza di due mesi in ospedale è l’occasione per la regista di iniziare un lungo viaggio attraverso i suoi ricordi. Ritorna così al 1949, su quelle scale che da bambina la portavano a bagnarsi nel mare di Marsiglia, sua città natale. È poi la volta di tutti i luoghi visitati da bambina, da adolescente, da adulta. Le immagini delle città e dei paesaggi si intrecciano ai filmati d’archivio per ricostruire un’intera vita, una vita destinata da lì a poco a spegnersi.

“18% GREY” di Viktor Chouchkov (Drammatico – 2020, Bulgaria, Germania, Serbia, Belgio, Macedonia, 110’) racconta del fotografo Zackary e Stella, una giovane coppia che dalla Bulgaria si trasferisce a Londra. Vivere in un paese straniero non sarà facile per loro e quando Zackary verrà lasciato dalla moglie deciderà di intraprendere un viaggio da Londra a Berlino per riflettere su questa perdita. Durante il viaggio incontrerà persone incredibili che lo faranno riflettere sulla natura del suo amore e su se stesso.

 

“PARADISE WITHOUT PEOPLE” (USA, 2019, 80’) documentario diretto dalla giornalista Francesca Trianni, è il primo ad essere prodotto dal celebre magazine TIME. Al culmine della crisi dei rifugiati in Europa, due donne siriane partoriscono nello stesso ospedale greco, con lo stesso sogno: allevare i loro figli lontano dalla guerra. I destini delle due donne si incontreranno ancora, mentre proveranno disperatamente ad ottenere asilo.

Ma Taormina ‘66 è soprattutto il prestigio di un concorso internazionale dedicato a opere prime e seconde, nel segno di una fortunata stagione in cui il festival scopriva e presentava anche Steven Spielberg con “Duel”, Robert Rodriguez con “El Mariachi”, Luca Guadagnino con “Qui” e i primi Woody Allen con “Bananas”, Peter Weir con “Picnic a Hanging Rock” e Quentin Tarantino con “Pulp Fiction”.

Ed è “OSKAR & LILLI – WHERE NO ONE KNOWS US” di Arash T. Riahi (drammatico – AUT, 2020, 98’) il primo titolo della principale categoria competitiva: Oskar, 8 anni, e Lilli, 13, sono due rifugiati ceceni che vivono in Austria da sei anni, ma stanno per essere espulsi insieme alla madre. Quando questa tenta il suicidio, il provvedimento di espulsione viene temporaneamente sospeso ma i due ragazzini vengono separati con la forza dalla famiglia. La loro speranza di riunirsi alla madre è nutrita giorno dopo giorno dal loro amore reciproco, un sentimento che sfida tutti gli ostacoli burocratici. Con Rosa Zant, Leopold Pallua, Anna Fenderl.

“CHARTER” di Amanda Kernell (drammatico – SVE, 2020, 94’) è invece la storia di Alice, che, in seguito a un difficile divorzio, non vede i suoi figli da due mesi aspettando un verdetto per la loro custodia. Quando suo figlio la chiama nel bel mezzo della notte, la donna agisce di impulso e rapisce i bambini portandoli illegalmente alle Isole Canarie. Con Eva Melander, Sverrir Gudnason, Ane Dahl Torp.

Radio Monte Carlo è radio ufficiale della manifestazione. Tra i media partner dell’evento anche Eurovision, Società Editrice Sud (Giornale di Sicilia/Gazzetta del Sud), La Sicilia Multimedia e MYmovies.it.

Hotel Metropole Taormina è l’Hotel ufficiale della manifestazione.

Per maggiori informazioni e acquisto biglietti

www.taorminafilmfest.it

 Ufficio Stampa

REGGI&SPIZZICHINO Communication

Tel. 0620880037

Maya Reggi +39 347 6879999

Raffaella Spizzichino +39 338 8800199
Carlo Dutto +39 348 0646089

www.reggiespizzichino.com

info@reggiespizzichino.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here