Realizza un sito web ecommerce di successo - Kynetic web agency a Salerno e Milano

Al giorno d’oggi, una delle questioni chiave nell’agenda internazionale è la situazione in Afghanistan dopo l’ascesa al potere dei talebani. Ed è abbastanza naturale che sia diventato l’argomento centrale del vertice dei capi di stato della SCO tenutosi il 17 settembre 2021 a Dushanbe.

La maggior parte degli stati della SCO condivide un confine comune con l’Afghanistan e risente direttamente delle conseguenze negative della crisi in corso. Il raggiungimento della pace e della stabilità in Afghanistan è uno dei principali obiettivi di sicurezza nella regione della SCO.

La gravità di questo problema e l’alto grado di responsabilità con cui gli Stati trattano la sua soluzione è evidenziato dalla discussione della questione afghana nel formato SCO-CSTO.

Allo stesso tempo, l’obiettivo principale dei negoziati multilaterali era trovare approcci concordati alla situazione in Afghanistan. Presidente dell’Uzbekistan Sh. Mirziyoyev ha presentato la sua visione dei processi in corso in Afghanistan, ha delineato le sfide e le minacce ad essi associate e ha anche proposto una serie di approcci di base per costruire la cooperazione nella direzione afghana. In particolare, Sh. Mirziyoyev ha affermato che oggi in Afghanistan si è sviluppata una realtà completamente nuova.

Nuove forze come il movimento talebano sono salite al potere. Allo stesso tempo, ha sottolineato che le nuove autorità devono ancora attraversare una strada difficile dal consolidamento della società alla formazione di un governo capace. Oggi ci sono ancora rischi che l’Afghanistan ritorni alla situazione degli anni ’90, quando il Paese era travolto da una guerra civile e da una crisi umanitaria, e il suo territorio si trasformava in un centro del terrorismo internazionale e della produzione di droga. Allo stesso tempo, il capo di Stato ha sottolineato che l’Uzbekistan, in quanto vicino più prossimo, che ha affrontato direttamente minacce e sfide in quegli anni, è chiaramente consapevole di tutte le possibili conseguenze negative dello sviluppo della situazione in Afghanistan nello scenario peggiore.

A questo proposito, Sh.Mirziyoyev ha invitato i paesi della SCO a unire i loro sforzi per prevenire una crisi prolungata in Afghanistan e le relative sfide e minacce ai paesi dell’Organizzazione. A tal fine, è stato proposto di instaurare un’efficace cooperazione sull’Afghanistan, nonché di condurre un dialogo coordinato con le nuove autorità, svolto proporzionalmente nel rispetto dei loro obblighi. In primo luogo, il leader uzbeko ha sottolineato l’importanza di ottenere un’ampia rappresentanza politica di tutti i segmenti della società afghana nell’amministrazione statale, oltre a garantire il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali, in particolare quelli delle donne e delle minoranze nazionali.

Come ha osservato il presidente dell’Uzbekistan, da questo dipendono le prospettive di stabilizzazione della situazione, il ripristino dello stato afghano e, in generale, lo sviluppo della cooperazione tra la comunità internazionale e l’Afghanistan. Va notato che Tashkent ha sempre aderito a una posizione di principio sulla necessità di rispettare la sovranità, l’indipendenza e l’integrità territoriale del paese vicino. Non c’è alternativa a una soluzione pacifica del conflitto in Afghanistan. È importante condurre un dialogo politico con un processo negoziale inclusivo che tenga conto esclusivamente della volontà di tutto il popolo afghano e della diversità della società afghana. Oggi la popolazione dell’Afghanistan è di 38 milioni di persone, mentre più del 50% di essa costituisce minoranze etniche: tagiki, uzbeki, turkmeni, hazara. I musulmani sciiti sono dal 10 al 15% della popolazione e vi sono anche rappresentanti di altre fedi. Inoltre, il ruolo delle donne nei processi socio-politici dell’Afghanistan è notevolmente aumentato negli ultimi anni.

Secondo la Banca Mondiale, il numero di donne nella popolazione dell’Afghanistan è del 48%, ovvero circa 18 milioni. Fino a poco tempo, occupavano alti posti di governo, servivano come ministri, lavoravano nel campo dell’istruzione e della sanità, partecipavano attivamente alla vita socio-politica del paese come parlamentari, difensori dei diritti umani e giornalisti.

A questo proposito, solo la formazione di un governo rappresentativo, l’equilibrio degli interessi dei gruppi etnopolitici e la considerazione globale degli interessi socio-economici di tutti i segmenti della società nella pubblica amministrazione sono le condizioni più importanti per una pace sostenibile e duratura in Afghanistan. Inoltre, l’uso efficace del potenziale di tutti i gruppi sociali, politici, etnici e religiosi può dare un contributo significativo al ripristino dello stato e dell’economia afghani, al ritorno del Paese sulla via della pace e della prosperità.

In secondo luogo, le autorità dovrebbero impedire l’uso del territorio del paese per azioni sovversive contro gli stati confinanti, escludere il patrocinio di organizzazioni terroristiche internazionali. È stato sottolineato che contrastare la possibile crescita dell’estremismo e l’esportazione dell’ideologia radicale, fermare la penetrazione dei militanti attraverso le frontiere e il loro trasferimento dai punti caldi dovrebbe diventare uno dei compiti chiave della SCO.

Negli ultimi 40 anni, la guerra e l’instabilità in Afghanistan hanno trasformato questo paese in un rifugio per vari gruppi terroristici. Secondo il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, 22 dei 28 gruppi terroristici internazionali, tra cui IS e Al-Qaeda, operano attualmente nel Paese. I loro ranghi includono anche immigrati dall’Asia centrale, dalla Cina e dai paesi della CSI.

Finora, gli sforzi congiunti sono stati in grado di fermare efficacemente le minacce terroristiche ed estremiste provenienti dal territorio dell’Afghanistan e impedire che si riversassero nello spazio dei paesi dell’Asia centrale. Allo stesso tempo, una prolungata crisi di potere e politica causata dal complesso processo di formazione di un governo legittimo e capace può causare un vuoto di sicurezza in Afghanistan. Può portare all’attivazione di gruppi terroristici ed estremisti, aumentare i rischi di trasferire le loro azioni nei paesi vicini. Inoltre, la crisi umanitaria che l’Afghanistan sta affrontando oggi sta ritardando le prospettive di stabilizzazione della situazione nel Paese.

Il 13 settembre 2021, il Segretario generale delle Nazioni Unite A.Guterres ha avvertito che nel prossimo futuro l’Afghanistan potrebbe affrontare una catastrofe, poiché quasi la metà della popolazione afgana o 18 milioni di persone vive in uno stato di crisi alimentare ed emergenza. Secondo le Nazioni Unite, più della metà dei bambini afgani di età inferiore ai cinque anni soffre di malnutrizione acuta e un terzo dei cittadini di carenze nutrizionali.

Inoltre, l’Afghanistan sta affrontando un’altra grave siccità, la seconda in quattro anni, che continua ad avere un grave impatto negativo sull’agricoltura e sulla produzione alimentare. Questa industria fornisce il 23% del PIL del paese e il 43% della popolazione afgana con posti di lavoro e mezzi di sussistenza. Attualmente, 22 delle 34 province afgane sono state gravemente colpite dalla siccità, quest’anno il 40% di tutti i raccolti è andato perso. Inoltre, la situazione è aggravata dalla crescente povertà della popolazione afgana. Secondo il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo, ormai la quota di povertà tra la popolazione è del 72% (27,3 milioni di persone su 38 milioni), entro la metà del 2022 potrebbe raggiungere il 97%. È ovvio che lo stesso Afghanistan non sarà in grado di far fronte a problemi così complessi. Inoltre, il 75% del bilancio statale (11 miliardi di dollari) e il 43% dell’economia sono stati finora coperti da donazioni internazionali. Già oggi, l’elevata dipendenza dalle importazioni (importazioni – $ 5,8 miliardi, esportazioni – $ 777 milioni), nonché il congelamento e la limitazione dell’accesso alle riserve in oro e valuta estera, hanno stimolato in modo significativo l’inflazione e la crescita dei prezzi. Gli esperti prevedono che la difficile situazione socio-economica, unita al deterioramento della situazione politico-militare, potrebbe portare a flussi di profughi dall’Afghanistan.

Secondo le stime delle Nazioni Unite, entro la fine del 2021 il loro numero potrebbe raggiungere i 515.000. Allo stesso tempo, i principali destinatari dei rifugiati afghani saranno i vicini paesi membri della SCO. Alla luce di ciò, il presidente dell’Uzbekistan ha sottolineato l’importanza di prevenire l’isolamento dell’Afghanistan e la sua trasformazione nello “stato canaglia”. A questo proposito, è stato proposto di sbloccare i beni dell’Afghanistan nelle banche estere al fine di prevenire una crisi umanitaria su larga scala e l’afflusso di rifugiati, nonché di continuare ad assistere Kabul nella ripresa economica e nella risoluzione dei problemi sociali. In caso contrario, il Paese non potrà uscire dalle grinfie dell’economia illegale. Affronterà l’espansione del traffico di droga, armi e altre forme di criminalità organizzata transnazionale. È ovvio che tutte le conseguenze negative di ciò saranno avvertite prima dai paesi vicini.

A questo proposito, il Presidente dell’Uzbekistan ha invitato a consolidare gli sforzi della comunità internazionale per risolvere quanto prima la situazione in Afghanistan e ha proposto di tenere una riunione ad alto livello nel formato SCO-Afghanistan a Tashkent con il coinvolgimento di Stati osservatori e partner di dialogo. Indubbiamente, la SCO può dare un contributo importante per stabilizzare la situazione e garantire una crescita economica sostenibile in Afghanistan. Oggi, tutti i vicini dell’Afghanistan sono membri o osservatori della SCO e sono interessati a garantire che il paese non diventi nuovamente una fonte di minacce alla sicurezza regionale. Gli Stati membri della SCO sono tra i principali partner commerciali dell’Afghanistan. Il volume degli scambi con loro è quasi l’80% del fatturato commerciale dell’Afghanistan (11 miliardi di dollari). Inoltre, gli Stati membri della SCO coprono oltre l’80% del fabbisogno di elettricità dell’Afghanistan e oltre il 20% del fabbisogno di grano e farina. Il coinvolgimento dei partner del dialogo nel processo di risoluzione della situazione in Afghanistan, tra cui Azerbaigian, Armenia, Turchia, Cambogia, Nepal, e ora anche Egitto, Qatar e Arabia Saudita, ci consentirà di sviluppare approcci comuni e stabilire un più stretto coordinamento degli sforzi in garantire la sicurezza, la ripresa economica e risolvere i problemi socio-economici più significativi dell’Afghanistan.

In generale, gli Stati della SCO possono svolgere un ruolo chiave nella ricostruzione postbellica dell’Afghanistan, promuovendone la trasformazione in un soggetto responsabile delle relazioni internazionali. Per fare ciò, i paesi della SCO devono coordinare gli sforzi per stabilire una pace a lungo termine e integrare l’Afghanistan nei legami economici regionali e globali. In definitiva, ciò porterà alla creazione dell’Afghanistan come un paese pacifico, stabile e prospero, libero da terrorismo, guerra e droga, e ad assicurare sicurezza e benessere economico in tutto lo spazio della SCO.

Akramjon Nematov, primo vicedirettore dell’Istituto di studi strategici e regionali sotto il presidente della Repubblica dell’Uzbekistan

Funshopping.it crea la tua vetrina gratis per vendere on line - acquista migliaia di prodotti con sconti fino al 70%
compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni