Per gli incontri extraconiugali si spendono 1,4 miliardi all’anno.

0
318

Chi tradisce consuma per l’estetica di più non solo delle coppie sposate ma perfino di chi è alla ricerca dell’anima gemella: i traditori sono più motivati a stare in forma ed essere più belli.

Secondo quanto rileva Incontri-ExtraConiugali.com, , il sito più sicuro dove cercare un’avventura in totale discrezione e anonimato, la spesa annuale dei fedifraghi per l’estetica -includendo wellness, fitness, cosmetici, coiffeur e trattamenti estetici- è di 1,4 miliardi di euro, pari al 78% della spesa complessiva dei dater italiani in questo settore.

«Le donne non si fanno belle per il marito ma per l’amante. Però alla fine a beneficiarne sono anche i mariti. Tre rimane quindi il numero perfetto per tutti» commenta scherzosamente Alex Fantini, fondatore di Incontri-ExtraConiugali.com.

Quanto vale l’intero indotto degli incontri extraconiugali? Ponderando dati Cebr, Ibis e Pew Research con dati assunti da ricerche non probabilistiche interne al sito dedicato ai fedifraghi, Incontri-ExtraConiugali.com ha stimato un valore che per l’Italia è di 7,3 miliardi di euro, una cifra considerevole se si tiene conto che per i dater italiani nel loro complesso il valore è di 14,8 miliardi di euro.

Seguono l’intrattenimento che -includendo ristoranti, cinema, teatro e così via- somma 2,8 miliardi di euro -il 62% rispetto alla spesa complessiva dei dater- ed i regali pari ad un importo di 0,3 miliardi di euro il 60% rispetto alla spesa complessiva dei dater.

«Spesso -e soprattutto per le donne- è proprio il fatto di tradire a spingere a mantenersi in forma ed a voler essere belle e curate» sostiene il fondatore di Incontri-ExtraConiugali.com.

Le persone che tradiscono sono più interessate al benessere del corpo, a volersi tenere in forma, a volere stare bene con se stessi e sentirsi a proprio agio. E fatto è che, favoriti dall’anonimato su un sito affidabile e sicuro come Incontri-ExtraConiugali.com, i tradimenti sono diventati all’ordine del giorno in tutt’Italia sia per gli uomini che per le donne, dalla grande città al piccolo paesino.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here