Santa Sofia (in turco: Ayasofya; in greco: Αγία Σοφία, Aghía Sofía), ufficialmente nota come Santa Moschea della Grande Hagia Sophia. Dedicato alla Sophia (la sapienza di Dio), dal 537 al 1453 l’edificio fu cattedrale Greco-cattolica e poi ortodossa e sede del Patriarcato di Costantinopoli, a eccezione di un breve periodo tra il 1204 e il 1261, quando fu convertito dai crociati a cattedrale cattolica di rito romano sotto l’Impero latino di Costantinopoli. Nel 1453 il Sultano Maometto II assediò Costantinopoli, guidato dal desiderio di consegnare la città al mondo orientale. Dopo la conquista di Costantinopoli, la Basilica di Santa Sofia fu convertita nella moschea di Aya Sofya. Nel 1935, il primo presidente turco e fondatore della Repubblica di Turchia, Mustafa Kemal Atatürk, trasformò l’edificio in un museo. Secondo UNESCO l’Santa Sofia è monumento storico.

Il presidente Erdoğan dichiarò ha cambiato lo status di Hagia Sophia da museo a luogo di culto musulmano.

Riconvertire Santa Sofia in moschea è considerato come una mossa per riprendere il controllo, anche solo simbolicamente, della propria città il presidente Erdoğan.

Con questo atto dal presidente Erdoğan abbiamo una violazione dello status di patrimonio dell’umanità della basilica. Come rispondere la comune nazionale?

La Chiesa ortodossa russa con il Patriarca ortodosso russo Kirill ha definito questo è “Inaccettabile” e “Una violazione della libertà religiosa“.

“Non possiamo tornare al Medioevo ora” e il Patriarca ortodosso russo Kirill ha detto che la politica ottomana reprimeva severamente i cristiani in tutta l’Asia Minore. A stretto giro è arrivata la reazione degli Usa che si sono detti “delusi dalla decisione del governo della Turchia di cambiare lo status di Santa Sofia” come ha dichiarato la portavoce del dipartimento di Stato, Morgan Ortagus. Per la Grecia, invece, si tratta di una “aperta provocazione al mondo civilizzato… il nazionalismo mostrato da Erdoğan riporta il suo Paese indietro di sei secoli”. Non è chiaro come sarà il futuro di Santa Sofia come non è chiaro che altro possiamo vedere ancora dal Presidente Erdoğan.

Apostolos Apostolou
Scrittore e Prof. di Filosofia.