Spectricity lancia un sensore per rivoluzionare le fotocamere degli smartphone

168

Le fotocamere degli smartphone sono realizzate avendo come obiettivo principale quello di essere pratiche e facili da utilizzare ma, nonostante abbiano compiuto passi da gigante negli ultimi anni, la maggior parte di esse è ancora molto lontana dalla perfezione.

Tra i problemi più importanti e comuni vi è quello della corretta gestione del bilanciamento del bianco e in occasione del CES 2023 di Las Vegas è stata presentata una soluzione che dovrebbe essere in grado di garantire notevoli miglioramenti da questo specifico punto di vista: ci riferiamo ad un nuovo sensore di immagine multispettrale di Spectricity.

Cosa offre il nuovo sensore di Spectricity

I problemi con il bilanciamento del bianco si manifestano come toni più freddi o più caldi nelle immagini, influenzando spesso elementi fondamentali come la tonalità della pelle, il colore dell’acqua e l’aspetto dell’illuminazione interna artificiale.

Ebbene, il nuovo sensore di immagine S1 di Spectricity non sfrutta soltanto lo spettro visibile della luce ma anche la gamma dell’infrarosso, proponendosi così come sensore complementare per le fotocamere principali di uno smartphone (sia per i modelli più economici che per quelli premium).

L’azienda è convinta che l’imaging spettrale sarà in grado di risolvere il problema della scarsa fedeltà cromatica della fotocamera degli smartphone, superando il limite dei tre colori RGB (rosso, verde, blu).

Spectricity

Jonathan Borremans, CTO di Spectricity, ci tiene a mettere in evidenza che il sensore S1 rappresenta “un progresso fenomenale rispetto a qualsiasi imager multispettrale sul mercato”, aggiungendo che fino ad oggi nessun altro è riuscito a inserire queste specifiche in un chip in miniatura.

Il nuovo sensore di Spectricity può essere integrato in qualsiasi dispositivo mobile e l’azienda ha già mostrato il suo funzionamento, dando prova delle sue potenzialità, a vari produttori di smartphone, con l’obiettivo di riuscire a farlo esordire sul mercato all’inizio del prossimo anno.

fonte www.tuttoandriod.it