Creopay: ogni italiano paga 380€ di rate al mese.

0
348

Rispetto ai livelli di fine Millennio, il debito privato italiano delle famiglie sul Pil è più che raddoppiato. Un’indagine di Creopay (www.creopay.cloud) -la newco fondata da Antonello Fontanelli per migliorare la performance e la qualità di vita dei cittadini- ha fotografato quella parte d’Italia che ha contratto debiti.

Dall’indagine Creopay è risultato che gli italiani pagano rate per un valore medio di 380 euro al mese, con punte di 520 in Lombardia e minimi di 250 in Sardegna. E quasi metà di questi debiti si riferiscono all’acquisto della prima casa (44%).

«Ma è il credito al consumo nel suo complesso ad avere un peso ancora più considerevole. Considerando tutti i settori -dall’automobile ai viaggi– nell’ultimo anno il credito al consumo ha infatti segnato una crescita del 7,4%, sfiorando i 22 miliardi di euro, con una prevalenza di prestiti di importo inferiore ai 5.000 euro che costituiscono il 46% del totale» sottolinea Giorgio Mottironi, co-fondatore e chief strategy officer di Creopay.

Il 32% dei debiti si contraggono proprio per l’acquisto di beni durevoli come auto ed elettrodomestici ed un ulteriore 8% addirittura per le spese sanitarie.

L’indebitamento residuo degli italiani, ovvero i soldi ancora da restituire, ammonta oggi a 35mila euro medi pro-capite, con punte di 48 mila euro a Roma e di 52 mila euro a Milano.

Ma il 19% degli italiani paga in ritardo ed il 3% non paga affatto. Nel 95% dei casi il debitore sarebbe disposto a pagare ma non è in grado di farlo perché fino ad oggi sono mancate soluzioni «customer-centric».

«Fino ad oggi sono mancate soluzioni automatiche che avrebbero permesso di gestire la singola complessità dell’insieme collezionando dati, strutturando informazioni, pianificando azioni ed operando scelte in modo agile» commenta l’avvocato Antonello Fontanelli, che ha ideato Creopay al precipuo scopo di dare sostegno ai privati alle prese con «non performing exposures», ovvero in difficoltà nella restituzione dei prestiti ricevuti.

Quanti sono questi italiani in difficoltà? Il bacino è di ben 16 milioni di italiani attualmente segnalati ai sistemi di informazione creditizia (SIC) perché non sono riusciti a restituire nei tempi previsti gli importi concessi loro da una banca o da una finanziaria.

Il baratro della saturazione della capacità di spesa del ceto medio è dunque sempre più vicino: una situazione che comporterà da parte dei consumatori la necessità di adottare efficaci metodi per controllare le spese ricorrenti rispetto alle proprie fonti di reddito e da parte dei fornitori la necessità offrire ai clienti l’opportunità di rateizzare anche i più semplici acquisti.

Creopay offre entrambe le soluzioni. La possibilità per le aziende di gestire in modo rateizzato i pagamenti per i propri clienti è già pronta, soprattutto per quelle che oggi hanno significativi volumi di fatturazione, mentre la soluzione per le piccole e micro-imprese e per i professionisti -e soprattutto l’app con il controllo della spesa per i consumatori– verranno rilasciati tra giugno e settembre 2020.

«Oggi Creopay è uno strumento eccezionale per la gestione dei crediti scaduti ed esigibili. Da una semplice bolletta alla fattura del leasing di una macchina, aziende e consumatori possono dire addio alle vecchie telefonate e gestire quanto scaduto con pochi semplici click ed una procedura di pagamento rapida e digitale. Con questo strumento le aziende italiane sono in grado di recuperare con un costo di processo bassissimo almeno il 50% del proprio scaduto entro 30 giorni» assicura l’avvocato Antonello Fontanelli.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here