Confcommercio, turismo traina la ripresa, fondamentale Salone del Mobile.

78
Turisti in coda sotto al sole alle ore 11.00 di questa mattina per visitare il Duomo di Milano, 27 maggio 2022. ANSA / PAOLO SALMOIRAGO

Il settore del turismo traina la ripresa post-Covid in Lombardia.

E’ quanto afferma la Confcommercio regionale sottolineando che “la fine delle restrizioni e gli eventi, a partire dal Salone del Mobile, spingono le prenotazioni quasi ai livelli pre-Covid”.

Favorevoli, secondo l’Organizzazione, anche le prospettive anche per la moda e la ristorazione. Secondo il vivepresidente vicario Carlo Massoletti “uno dei settori in maggiore ripresa è sicuramente il turismo, che beneficia di diversi fattori: riscoperta di destinazioni vicine, fine delle restrizioni, comprese quelle per i turisti che vengono dall’estero, e la ripresa di eventi e fiere, come il Salone del Mobile di Milano, che porta l’occupazione media delle strutture alberghiere del capoluogo lombardo all’80%”.

Numeri positivi anche sui laghi. A Como sono tornati i flussi pre-pandemia e lo stesso vale per il Lago di Garda e quello d’Iseo, con stanze occupate tra l’80 e il 90% nei weekend e tra il 50 e il 60% nei giorni feriali, con una parziale ripresa dei viaggi business. Bene anche per la montagna e gli altri capoluoghi, come ad esempio Mantova, che già per il ponte del 2 giugno registra occupazioni fino al 70% in molte strutture.

Importanti i flussi dal Medio Oriente e soprattutto dagli Stati Uniti, grazie alla fine delle restrizioni e al rafforzamento del dollaro – commentano in Confcommercio – che compensano l’assenza di turisti russi e dei viaggiatori provenienti dal mercato asiatico.

Il flusso di turisti fa da traino anche alla ristorazione.

Secondo le stime di Fipe-Confcommercio basate su dati Istat infatti gli 11,7 miliardi di euro spesi per i consumi fuori casa nel 2021 potrebbero infatti diventare 13,9 nel 2022.

A trarne vantaggio anche la moda, che sta ripartendo e che conta di confermare il trend positivo grazie a maggiori occasioni di socialità e grandi eventi di caratura internazionale come il Salone del Mobile. L’incremento di visitatori si scontra, però, con la mancanza di personale.

All’appello mancano infatti cuochi, camerieri e altri addetti alle professioni turistiche. (ANSA).