Intervista a Yves Rocher, il brand all’avanguardia nella creazione e produzione della “Botanical Beauty” dal 1959

55

-D: Da oltre 60 anni, Yves Rocher esplora il regno vegetale e attinge alla sua ricchezza per soddisfare il desiderio di bellezza. La natura come vera e propria fonte di ispirazione… Perché ha deciso di mettersi in gioco e di agire concretamente?

-R: “Credo nel mio amore per la natura, in un certo spirito imprenditoriale e, perché no, nella tenacia della Bretagna”. Con queste parole il signor Yves Rocher prese il suo primo impegno. È successo più di 60 anni fa ed è ancora attuale!
Infatti, le radici del marchio si trovano in questo piccolo villaggio di La Gacilly, in Francia. Questo luogo è la culla del marchio. È lì, nel 1959, nella soffitta della casa di famiglia che è nata la bellezza botanica, rompendo con la cosmesi tradizionale.

Fu allora che il signor Yves Rocher si impegnò a rivelare le virtù delle piante per creare una bellezza senza compromessi, accessibile e sempre più rispettosa della pelle e del pianeta.
Oggi, sebbene il marchio si sia evoluto, la promessa rimane intatta. Siamo ancora legati a questa etica della bellezza impegnata che il signor Yves Rocher aveva immaginato.

La natura ha ispirato i nostri team di ricerca fin dall’inizio: abbiamo cercato nel mondo delle piante i loro geni. Le piante si sono evolute per miliardi di anni sul nostro pianeta e noi consideriamo la Terra un laboratorio a cielo aperto di altissimo livello. Qui l’evoluzione ha sperimentato più concetti viventi di quanti l’umanità sarà mai in grado di creare. Fin dall’inizio, abbiamo cercato di scoprire le ricette del successo nel mondo vegetale, che si tratti di architettura, comunicazione, difesa o sopravvivenza. Le abilità delle piante non smettono mai di sorprenderci e di ispirarci, e la nostra missione è portare benessere alle persone attraverso soluzioni botaniche. Per noi questo significa fornire un’offerta di bellezza naturale, autentica e responsabile.

Crediamo che il nostro ruolo sia quello di cambiare i comportamenti e le pratiche per proteggere gli ecosistemi naturali. Il marchio facilita le iniziative per favorire un consumo più responsabile, lavorando sull’intera catena del valore e sulla riduzione dell’impatto del prodotto sulla natura. Abbiamo stabilito processi di eco-design lungo tutta la catena: dall’agricoltura, all’approvvigionamento, all’estrazione, alla formulazione, alla produzione e al confezionamento dei nostri prodotti. Le considerazioni sulla fine del ciclo di vita stanno assumendo un’importanza sempre maggiore ed è stato definito un solido piano di trasformazione per affrontare la “corsa verso lo zero” e in particolare la sfida della plastica.

Pur incorporando nei nostri prodotti principi attivi naturali altamente efficaci, non siamo disposti a scendere a compromessi in termini di sicurezza e qualità. I nostri prodotti sono sottoposti a rigorosi processi di screening e test per garantire la sicurezza della pelle. Inoltre, abbiamo sviluppato una serie di controlli ecologici, come la naturalità, la biodegradabilità, l’ecotossicità e la sostenibilità, che vengono utilizzati sulle materie prime, sulle formule e sulle confezioni.

Al centro delle nostre riflessioni c’è il benessere del consumatore: i nostri prodotti devono essere sicuri per la pelle e piacevoli nella loro esperienza, pur essendo naturali. Il profumo, la consistenza, l’assorbimento e l’efficacia sono tutti aspetti presi in considerazione durante il processo di sviluppo del prodotto. Inoltre, forniamo piena trasparenza sulle formule dei nostri prodotti attraverso le nostre piattaforme digitali, dove i consumatori possono trovare gli elenchi degli ingredienti su ogni prodotto e un glossario degli ingredienti.

-D: In che modo Yves Rocher limita l’impatto dei suoi prodotti sul pianeta? Quali sono gli altri progetti attivi che mirano a migliorare la vivibilità dell’ambiente che ci circonda? E il vostro sostegno ai progetti di sostenibilità sociale e ambientale?

-R: L’eco-design è al centro delle iniziative del marchio Yves Rocher, che da oltre 60 anni porta con sé una profonda consapevolezza delle proprie responsabilità sociali e ambientali.

Botanico, raccoglitore, designer, produttore e distributore, il marchio Yves Rocher controlla l’intera catena di produzione dei suoi prodotti. Da molti anni abbiamo scelto di ridurre l’impatto ambientale delle confezioni dei nostri prodotti e abbiamo adottato un approccio di eco-design che consiste nel progettare i nostri prodotti in modo diverso utilizzando l’innovazione e la sostenibilità come leve in ogni fase del ciclo di vita del prodotto, con un maggiore rispetto per la biodiversità e senza mai compromettere la qualità, l’efficacia e l’attrattiva dei nostri prodotti.

Questo approccio si basa su 4 pilastri: RIDURRE – RIUTILIZZARE – RICICLARE – RIPENSARE.

  1. Ridurre:

In questo modo, garantiamo una continua riduzione del consumo di materiali provenienti da risorse non rinnovabili per minimizzare il nostro impatto sull’ambiente, riducendo il peso dei nostri imballaggi. I nostri gel doccia e shampoo concentrati ne sono un buon esempio, con rispettivamente il 50% e il 39% di plastica in meno rispetto ai nostri classici gel doccia (400ML). Continuiamo inoltre a garantire l’utilizzo di carta e cartone con marchio FSC, provenienti da foreste gestite in modo sostenibile, a garanzia della conservazione della biodiversità.

  1. Riutilizzare:

Favoriamo soluzioni riutilizzabili e più responsabili per limitare gli imballaggi monouso, ad esempio riutilizzando gli scarti di cartone delle nostre unità produttive per le nostre offerte speciali di fine anno e per la nostra Collezione di profumi.

  1. Riciclare:

Scegliamo materiali riciclabili o riciclati. Dall’ottobre 2020, tutti i nostri flaconi (ad eccezione dei solventi) che escono dai nostri stabilimenti sono realizzati al 100% con PET riciclato ** e riciclabile, il che rappresenta un risparmio di 2.600 tonnellate di plastica vergine. Continuando a privilegiare i barattoli di vetro (infinitamente riciclabili). Incoraggiando i nostri clienti a differenziare e riciclare.

  1. Ripensare:

La nostra sfida è continuare a innovare e offrire soluzioni sempre più rispettose dell’ambiente. Abbiamo sviluppato una linea specificamente progettata sulla base di questa filosofia. Si tratta di Green Heroes, prodotti dedicati che garantiscono che ogni doccia, ogni shampoo abbia un impatto positivo sul pianeta. Grazie a una formula unica e alla riduzione delle dimensioni del contenitore, questi prodotti costituiscono un’eccezionale innovazione nel campo della cosmesi. La crescente ricerca della sensorialità unita alla sostenibilità ci ha permesso di sviluppare una linea ampia e rispettosa dell’ambiente, sia con i Gel doccia e gli Shampoo concentrati che con gli Shampoo solidi.

Inoltre, entro il 2030, il nostro obiettivo è quello di ridurre le confezioni solo all’essenziale, di ridurre del 30% l’utilizzo complessivo di plastica e di avere solo confezioni riciclabili con contenuto riciclato.

I team del marchio Yves Rocher sono impegnati in un approccio ecologico che ci porta a interrogarci costantemente sulle nostre scelte per limitare ulteriormente la nostra impronta ambientale.

Contiamo più che mai su di voi per sostenere questo progresso dell’economia circolare, continuando a impegnarvi nella raccolta differenziata dei rifiuti.

** Questo non riguarda:

– La plastica dei coperchi di erogazione, delle etichette e delle pompe, per i quali continuiamo a lavorare all’integrazione della plastica riciclata.

– I flaconi dei nostri solventi che attualmente non sono in PET per motivi di compatibilità. Tuttavia, questi flaconi rimangono riciclabili e stiamo lavorando su alternative.

-D: Quali sono i suoi consigli per i consumatori riguardo all’uso di prodotti cosmetici per la protezione del nostro pianeta? Cosa hanno di diverso i vostri prodotti rispetto a quelli di altri marchi e perché possono essere definiti più ecologici e verdi di altri? Come procede Yves Rocher, quali sono i parametri principali nella creazione di prodotti che rispettano la natura.

-R: Offrire prodotti rispettosi della pelle, della natura… e del vostro budget

Il nostro desiderio è quello di portare la bellezza a tutti. Tutti devono avervi accesso. Ma non a qualsiasi condizione.
La salvaguardia della natura, la naturalezza degli ingredienti e la loro efficacia saranno sempre le nostre priorità.

Per Yves Rocher, prendersi cura della natura va ben oltre la protezione dell’ambiente esistente. In qualità di botanico, raccoglitore, produttore e distributore, il marchio si impegna al massimo per preservare, ma anche arricchire, la biodiversità.

Ridurre i costi eliminando gli intermediari. Quando ci si occupa di tutto, dalla raccolta alla distribuzione, si garantisce necessariamente la qualità riducendo i costi.

Controlliamo la catena del valore che ci permette di controllare e limitare il nostro impatto offrendo prodotti di qualità al giusto prezzo.

– Il 93% dei nostri prodotti è fabbricato nelle nostre fabbriche locali bretoni a 30 km da La Gacilly.

– La nostra unicità in termini di prodotti è legata al nostro know-how botanico che risale al 1959. Il 100% dei nostri principi attivi proviene dalle piante.
– Principi attivi naturali altamente concentrati, ottenuti attraverso estrazioni ecologiche uniche nel loro genere. Le nostre piante emblematiche di qualità biologica e coltivate in agro-eco.
– Forte impegno nei confronti dell’ambiente in termini di packaging

Il 100% dei nostri flaconi di plastica sono riciclati e riciclabili.

– Innovazioni uniche: 1° Gel doccia concentrato con il 50% in meno di plastica e di emissioni di carbonio (rispetto a un gel doccia classico).
– L’astuccio traforato di tutti i vasetti per il trattamento del viso con il 40% in meno di cartone e senza più plastica da imballaggio.
– Abbiamo creato una gamma di prodotti per la cura del corpo con 0 plastica denominata “Green Heroes”.
– Dal 22 settembre: una media del 40% di plastica riciclata in tutti i tubetti del marchio.

 

Siamo orgogliosi delle nostre diverse azioni, dei nostri prodotti e dei nostri team in tutto il mondo. Parallelamente, i consumatori sono sempre più consapevoli delle questioni ambientali e questo è un punto di partenza positivo ed essenziale per agire meglio e preservare il futuro del nostro pianeta.