Eusalp Annual Forum, Fontana: soddisfatti per anno presidenza Lombardia.

0
112

Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha aperto i lavori, attraverso un videomessaggio, dell’Assemblea Generale inaugurale del ‘3rd Eusalp annual Forum’ in svolgimento a Palazzo Lombardia.

“Sono molto dispiaciuto di non poter essere presente – ha dichiarato Fontana, impegnato a Roma per incontri istituzionali sul tema della riforma dell’Autonomia – all’Assemblea conclusiva dell’anno di presidenza della Regione Lombardia di Eusalp. Sarò presente in occasione dell’apertura del Forum, e porterò il mio contributo per sottolineare che quest’anno abbiamo lavorato seriamente e in modo concreto su un argomento che merita attenzione. Possiamo essere davvero soddisfatti di questo anno di attività, per cui vi auguro buon lavoro”.

“Siete, comunque, nelle ottime mani dell’assessore all’Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo, che – ha concluso Fontana – in questi mesi ha dimostrato le proprie capacità e il grande interesse per Eusalp”.

Si è chiusa con l’approvazione all’unanimità della ‘Dichiarazione congiunta dei Paesi e delle Regioni Eusalp’, l’Assemblea del terzo Forum di Eusalp, la Strategia macroregionale delle Alpi che raggruppa sette Paesi (cinque dell’Unione europea – Italia, Francia, Germania, Austria e Slovenia e due extra Ue – Svizzera e Liechtenstein).

Un’Assemblea che, di fatto, oggi, non solo ha sancito il passaggio della Presidenza dall’Italia alla Francia, ma ha anche ribadito come le Regioni dei diversi Stati chiedano un maggior coinvolgimento all’interno della strategia. “Un tema che sta molto cuore a tutti noi” ha spiegato Raffaele Cattaneo, assessore lombardo all’Ambiente e Clima con delega a Eusalp. “La nostra strategia – ha aggiunto – è nata dal basso. Arriva dai territori e quindi è giusto rivendicare un maggior coinvolgimento nelle scelte politiche”.

Strategie macroregionali fondamentali

L’assessore Cattaneo ha poi tracciato i temi principali toccati da tutte le delegazioni politiche dei 7 Paesi nel corso dell’Assemblea. “Abbiamo sottolineato l’importanza delle strategie macroregionali e in particolare quelle delle Alpi – ha chiosato l’assessore lombardo -. Chiediamo che le Strategie macroregionali siano più chiaramente inerite all’interno della programmazione delle politiche di coesione per l’utilizzo dei fondi europei”.

Green economy e giovani punti di successo

Tre, poi, i punti su cui la Presidenza di Regione Lombardia ha conseguito successi. L’assessore Cattaneo li ha sottolineati alla presenza della rappresentanze europee. “Il primo è quello della green economy, che è stato il filo conduttore della nostra Presidenza e che, durante l’anno, è cresciuto d’importanza, fino a diventare il tema centrale del programma della nuova Commissione europea”. Poi, i giovani, a cui sono state dedicate numerose iniziative, tra cui l’incontro a Como con i giovani amministratori e a Cernobbio con i giovani imprenditori. “L’attenzione alle nuove generazioni è importante – ha proseguito Cattaneo -, perché sono il futuro dell’Europa e sono portatori di tematiche centrali per l’azione della nostra strategia”.
Terzo tema: la cultura e l’educazione all’interno dell’arco alpino.

Fondamentali identità e cultura

“E’ stata data molta importanza anche all’affermazione di una cultura e di un’identità comune dell’arco alpino, come la creazione di un modello di ‘scuola alpina’ – ha concluso Cattaneo -. All’interno del nostro lavoro abbiamo candidato, all’interno della Presidenza italiana, la cultura alimentare alpina come patrimonio immateriale universale dell’Unesco”.

Appuntamento a lione

Il prossimo appuntamento con l’Assemblea politica dei Paesi Eusalp è già stato fissato per gli inizi del prossimo mese di febbraio, a Lione, sotto la Presidenza francese per ribadire i temi toccati oggi.

Si è chiusa con l’approvazione all’unanimità della ‘Dichiarazione congiunta dei Paesi e delle Regioni Eusalp’, l’Assemblea del terzo Forum di Eusalp, la Strategia macroregionale delle Alpi che raggruppa sette Paesi (cinque dell’Unione europea – Italia, Francia, Germania, Austria e Slovenia e due extra Ue – Svizzera e Liechtenstein).

Un’Assemblea che, di fatto, oggi, non solo ha sancito il passaggio della Presidenza dall’Italia alla Francia, ma ha anche ribadito come le Regioni dei diversi Stati chiedano un maggior coinvolgimento all’interno della strategia. “Un tema che sta molto cuore a tutti noi” ha spiegato Raffaele Cattaneo, assessore lombardo all’Ambiente e Clima con delega a Eusalp. “La nostra strategia – ha aggiunto – è nata dal basso. Arriva dai territori e quindi è giusto rivendicare un maggior coinvolgimento nelle scelte politiche”.

Strategie macroregionali fondamentali

L’assessore Cattaneo ha poi tracciato i temi principali toccati da tutte le delegazioni politiche dei 7 Paesi nel corso dell’Assemblea. “Abbiamo sottolineato l’importanza delle strategie macroregionali e in
particolare quelle delle Alpi – ha chiosato l’assessore lombardo -. Chiediamo che le Strategie macroregionali siano più chiaramente inerite all’interno della programmazione delle politiche di coesione per l’utilizzo dei fondi europei”.

Green Economy e giovani punti di successo

Tre, poi, i punti su cui la Presidenza di Regione Lombardia ha conseguito successi. L’assessore Cattaneo li ha sottolineati alla presenza della rappresentanze europee. “Il primo è quello della green economy,
che è stato il filo conduttore della nostra Presidenza e che, durante l’anno, è cresciuto d’importanza, fino a diventare il tema centrale del programma della nuova Commissione europea”. Poi, i giovani, a cui sono state dedicate numerose iniziative, tra cui l’incontro a Como con i giovani amministratori e a
Cernobbio con i giovani imprenditori. “L’attenzione alle nuove generazioni è importante – ha proseguito Cattaneo -, perché sono il futuro dell’Europa e sono portatori di tematiche centrali per l’azione della nostra strategia”.
Terzo tema: la cultura e l’educazione all’interno dell’arco alpino.

Fondamentali identità e cultura

“E’ stata data molta importanza anche all’affermazione di una cultura e di un’identità comune dell’arco alpino, come la creazione di un modello di ‘scuola alpina’ – ha concluso Cattaneo -. All’interno del nostro lavoro abbiamo candidato, all’interno della Presidenza italiana, la cultura alimentare alpina come patrimonio immateriale universale dell’Unesco”.

Appuntamento a Lione

Il prossimo appuntamento con l’Assemblea politica dei Paesi Eusalp è già stato fissato per gli inizi del
prossimo mese di febbraio, a Lione, sotto la Presidenza francese per ribadire i temi toccati oggi. (LNews)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here