Consegnato veicolo Qooder alla Croce Rossa Italiana.

0
193

Al Red Cross Camp di Solferino, in provincia di Mantova, è stato consegnato un Qooder alla Croce Rossa italiana, in occasione del 100° anniversario della Fondazione Internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa. Alla cerimonia di consegna erano presenti: Paolo Gagliardo, Ceo di Quadro Vehicles; Francesco Rocca, Presidente della Federazione Internazionale delle Società della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa; Paolo Monorchio, Presidente Comitato Croce Rossa di Napoli.

Qooder, unisce il meglio del mondo dell’auto con quello delle motociclette ed è in grado di operare su terreni difficilmente percorribili da altri veicoli, garantendo sicurezza e stabilità su ogni tipo di strada, anche la più dissestata. Per questo, è stato acquistato dalla Croce Rossa di Napoli per essere utilizzato in città e provincia.

Infatti, il mezzo è dotato del sistema brevettato HTS Hydraulic Tilting SystemTM, che gli consente di inclinarsi come una moto a 2 ruote ma di mantenersi aderente all’asfalto, grazie alle sue 4 ruote da 14 pollici.

Contraddistinto dalla classica livrea della Croce Rossa, tra le dotazioni specifiche si segnalano il bauletto per il trasporto del “kit di primo soccorso”, sirene, lampeggianti direzionali a LED, faro lampeggiante LED di colore blu su asta estensibile manualmente.

 

Questo ulteriore allestimento consentirà a Qooder una assoluta tempestività negli interventi, sia diurni che notturni.

“E’ per noi un privilegio sostenere la Croce Rossa Italiana nelle sue attività quotidiane di servizio per il soccorso dei cittadini. È una partnership rivolta al sociale, che va a supportare tutti gli operatori e i volontari che mettono la propria vita al servizio della comunità.” Ha spiegato Paolo Gagliardo durante la cerimonia.

“Il Comitato di Napoli della Croce Rossa Italiana ha scelto, per aiutare i più vulnerabili e gli ultimi, l’innovazione tecnologica e la sicurezza di un veicolo che siamo sicuri rivoluzionerà il metodo di fare soccorso.” Ha dichiarato Paolo Monorchio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here